torna su
23/10/2018
23/10/2018

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Pets – Vita da Animali, Alessandro Cattelan ci parla di Max

L’attore e conduttore presta la voce a uno dei protagonisti del cartone in sala

di Redazione | 2016-11-26 7/10/2016 ore 11:03
(ultimo aggiornamento il 26 novembre 2016 alle ore 20:38)


Alessandro Cattelan è la voce italiana di Max, il terrier protagonista di Pets – Vita da Animali. L’attore e presentatore, al momento conduce su Sky Uno X Factor, è alla sua seconda esperienza come doppiatore dopo aver prestato la voce a Chuck in Angry Birds: “È stata una bella esperienza, molto divertente, un’esperienza non nuova, ma quasi, non avevo mai fatto doppiaggio, ma mi sono capitati due doppiaggi uno a presso all’altro, seppur avendo l’entusiasmo di una cosa nuova, iniziavo a capire come funzionava”.

Alessandro Cattelan presta la sua voce a Max: “Siamo abbastanza simili, è un cane comodo e anch’io tendo ad accomodarmi ed è anche bonariamente stronzo, e spero anch’io di esserlo”. Ama gli animali, ha due cani che vivono con i suoi genitori “però non sono uno di quelli che se incontra un cane per strada, gli si butta addosso, gli ficca le mani in bocca e la testa quasi anche, non voglio essere invadente con i loro spazi, ma comunque li amo”. Anche le sue due figlie, Viola e Olivia, gli hanno chiesto di comprare loro un gattino e hanno sentito la voce di papà in due cartoni animati usciti quest’anno: “La voce è abbastanza simile in questo caso, la grande Angry Birds l’ha visto e accumula oggetti del cartone animato, Pets – Vita da Animali è un po’ più ampio come target, è ottimo per bambini e per adulti”. Max, il suo personaggio, viene spodestato dall’affetto della sua padrona e da casa sua, dopo l’arrivo di un altre cane adottato, Duke: “È la metafora del figlio unico a cui viene invaso lo spazio di casa, gli viene appioppato un fratello senza che lui l’abbia chiesto, come succede a tutti i bambini e poi deve imparare a convincerci, a gestirlo, e passare dall’odio iniziale all’amore, questo può aiutare tanti bambini che da poco hanno avuto un fratellino ad abituarsi”.

Non solo doppiaggi, Alessandro Cattelan ha anche recitato al cinema in Ogni maledetto Natale: “Mi piace molto, mi sono divertito più di quello che mi sarei aspettato, sono abituato alla diretta, ho un tipo di ritmo vitale abbastanza rapido, ma mi sono stradivertito anche perché quel film aveva un cast che era un circo fenomale, annoiarsi era impossibile. Lo rifarei, ma devono coincidere tante cose: il tempo, ho ricevuto proposte, ma non potevo, avevo tempo ma non arrivavano proposte”. Il genere? Dovrebbe essere ancora quello comico: “Più che un supereroe, anche se Jeeg ha aperto un varco, farei altre commedie, a me piace ridere io non ho lo spessore adatto per fare film drammatici. Credo che nei film in cui si ride sia piacevole per me partecipare”.

Dopo una lunga conversazione su X Factor, si è tornato a parlare del cartone animato, classe 1980, Alessandro Cattelan avrebbe voluto doppiare alcuni dei protagonisti di Bim, Bum, Bam: “I film cartone animato non li ho mai guardati fino a qualche anno fa, andando a recuperare anche quelli vecchi da Cenerentola al Re Leone, a Cattivissimo me, Toy Story, ho fatto un misto di tutto quello che usciva, non ho una cultura di cartoni film, ho una cultura di cartoni di Bim, Bum, Bam!”.
Fra i personaggi amatissimi da generazioni di italiani, Cattelan vorrebbe doppiare: “Holly di Holly & Benji, Shiro di Mila & Shiro, tutti i grandi protagonisti dei cartoni animati”, un personaggio in comune con Francesco Mandelli. 

Terminato X Factor, a febbraio tornerà anche il suo talk show E poi c’è Cattelan, da quest’anno in forma quotidiana, la sua fonte d’ispirazione sono i late night show americani da Jimmy Fallon passando per Jimmy Kimmel e Jamie Corden. Tornando al film, Cattelan vorrebbe essere uno scoiattolo: “Quando li vedo a New York, gli compro le mandorle, glieli do, faccio dei video, li mando ai miei amici”. Sempre su Sky, Cattelan l’anno scorso ha presentato i David di Donatello che dovrebbero tornare quest’anno: “Mi sono molto divertito, all’inizio è stato preoccupante, mi hanno sempre detto che era un mondo chiuso, ma per fortuna non l’ho trovato così, ci siamo divertiti: Paolo Sorrentino, Claudio Santamaria e gli altri attori si sono prestati a giocare con noi, dopo la serata erano tutti molto felici e quindi avere avuto l’apprezzamenti da chi questo premio l’ha sempre vissuto mi ha fatto molto piacere”.

(Chiara Laganà, foto © Massimo Kunstler)

print

A proposito dell'autore

17062 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014