torna su
21/10/2020
21/10/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Agenda del 3 aprile

Max Gazzè al Teatro dell’Opera, Giovanna Marini all’Auditorium e “Un treno di perché” al Brancaccio

Avatar
di Redazione | 2017-04-3 3/04/2017 ore 9:10

Max Gazzè in tour con la Bohemian Symphony Orchestra di Praga

Alchemaya, un progetto originale e inedito al Teatro dell’Opera

Un’opera originale suonata insieme alla Bohemian Symphony Orchestra di Praga. Nell’aprile 2017 Max Gazzè sarà impegnato con quello che appare il suo progetto artistico più innovativo: Alchemaya. Suonato con la Bohemian Symphony Orchestra di Praga, il concerto è articolato in due parti: la prima è un’opera originale in cui Max e il fratello Francesco fondono insieme, attraverso composizioni originali, gli approfondimenti esoterici condotti da Max negli ultimi 20 anni; la seconda parte propone brani tratti dal repertorio storico di Max riarrangiati in chiave “sintonica”, un neologismo creato appositamente per definire il concetto di integrazione tra strumenti sinfonici e sintetizzatori.

 

Giovanna Marini racconta la storia d’Italia dalla fine del ‘700

Ed un pensiero ribelle in cor ci sta. Due secoli di storia d’Italia cantata all’Auditorium

Giovanna Marini con il Coro Inni e Canti di Lotta diretto da Sandra Cotronei e la Banda della Scuola Popolare di Musica di Testaccio diretta dal M. Silverio Cortesi presenta in concerto il cd “Ed un pensiero ribelle in cor ci sta”. Due secoli di storia d’Italia cantata. Giovanna Marini racconta la storia d’Italia dalla fine del ‘700 (con gli echi della rivoluzione francese) fino al secondo dopoguerra e alla conquista della democrazia. Una strada ed una storia fatta di speranze e di sconfitte, di dolore e di conquiste.

 

A teatro con ‘Un treno di perchè’

Teatro Brancaccio per ragazzi 2016/2017

Un padre ed il suo piccolo stanno giocando con un trenino. Il padre è sommerso dai tanti perché del suo bambino. Un po’ negandosi, un po’ stando al gioco affiora il ricordo di Rocco, amico d’infanzia e del suo papà ferroviere. Un papà ferroviere, forse capotreno, che aveva sempre voglia di regalare storie a grandi e piccini. Il paese di Rocco erano poche case tra un pascolo e un campo di grano: la scuola, la chiesa, la piccola piazza e la stazione. Tutta la vita era lì.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23929 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014