torna su
22/07/2019
22/07/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

'Il Gioco dei Sentimenti' di Micaela Legnaioli in via Margutta

Inaugura il 19 giugno la seconda personale negli spazi della Galleria Vittoria

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 16/06/2014 ore 14:31
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 19:18)

 

La Galleria Vittoria di via Margutta apre il 19 giugno la seconda personale di Micaela Legnaioli dal titolo ‘Il Gioco dei Sentimenti’.

La curatrice della mostra Sabine Oberti alla vigilia dell’evento: “Se Micaela Legnaioli ci aveva sorpresi con un mix di colori nella prima mostra del maggio 2013, torna oggi alla predominanza del bianco e del nero …. Come se i suoi occhi cercassero nel manicheismo dei neutri una risposta chiara nel gioco dei sentimenti”. RadioColonna ha incontrato Micaela Legnaioli qualche giorno prima del vernissage. Ecco il racconto della nuova avventura attraverso le parole della protagonista.

“Il mio lavoro parte dalla mostra ‘Fiori Svelati’, una serie di quadri scultura dalla forma tridimensionale, con uno studio particolare legato alla scelta e all’uso dei materiali. La mostra era caratterizzata infatti dall’utilizzo di oggetti da riciclo, scarti come bottiglie di plastica, lattine, con un risultato visivo molto colorato. Era l’inizio di una comunicazione personale legata ai fiori, un elemento femminile in grado di creare buone sensazioni nel pubblico. Ho continuato questo lavoro andando verso i sentimenti, più precisamente verso la loro visualizzazione. Mi sono concentrata, e ho pensato alle loro caratteristiche per riportarli sulle tavole di recupero, con diverse tecniche. Alcune volte ho usato il gesso creando volumi e immagini eteree, altre volte il tessuto mischiato con altri oggetti come i chiodi.  

I sentimenti non vengono svelati, perché cerco piuttosto l’interazione con il visitatore, voglio capire se riesco a trasmettere quello che ho pensato”. Alla conversazione in Galleria partecipa Sabine Oberti, che interviene così: “Conoscendo meglio Micaela mi sono resa conto che le sue opere le somigliano. I paesaggi interni che vedo attraverso i lavori sono lei, non può essere un’altra artista. Il suo lavoro è personale, non è finto”.

Prosegue Legnaioli, sui tema della forma e del riciclo: “Mi piace giocare con i volumi: è bello quando l’opera cambia secondo la luce che filtra nello spazio durante la giornata, e anche i punti diversi dai quali viene osservata. La scelta del materiale di recupero per i miei lavori dipende dal fatto che nella mia vita ho viaggiato tanto, e gli oggetti sono state le uniche cose che mi sono portata sempre dietro. Spesso mi sono attaccata a cose anche semplici, ad esempio le lattine di Coca Cola. Poter tenere gli oggetti cambiandone forma e utilizzo, vuol dire non lasciarli andare e nobilitarli”.

‘Il Gioco dei Sentimenti’ di Micaela Legnaioli, Galleria Vittoria, via Margutta 103. Dal 19 giugno al 4 luglio 2014. Vernissage 19 giugno alle ore 18,30.

www.galleriavittoria.com

 

 

Micaela Legnaioli

Nata a New Delhi (India) nel ‘70, Micaela ha vissuto in vari paesi europei  e sudamericani fino a quando ha deciso di fermarsi a Roma. Da subito ha manifestato una particolare sensibilità verso le arti figurative frequentando corsi di ceramica, scultura e pittura, presso la Scuola Europea di Mol, la Scuola di decorazione Van der Kelen Logelain a Bruxelles. Dopo aver conseguito la Laurea in Economia e Commercio, ha iniziato l’attività di pittura decorativa. Il conseguimento di una seconda Laurea in Architettura d’Interni con tesi in Scenografia, nel 2009, l’ha portata nei cantieri di ristrutturazione dove è nata l’idea del recupero dei materiali di scarto. Prima mostra personale il 15 maggio 2013 presso L’Artothèque de Rome con l’esposizione ‘Fiori Svelati’ in cui è molto forte l’elemento del recupero, come ha potuto sottolineare la curatrice Isabella Vitale: “La resina, lo stucco, il metallo, i differenti tessuti, la carta, la plastica sono coscientemente assimilati ed in seguito organizzati in maniera estetica, dando vita alle opere che ne esprimono un nuovo significato. Si può dare (nuova) vita a ciò che apparentemente sembra non averne più”.

 

 

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
20640 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014