torna su
14/04/2021
14/04/2021
Live TV

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Accademia Tedesca Roma, come sarà il 2015 di Villa Massimo

Presentato il programma per il nuovo anno, e gli artisti in arrivo

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 21/01/2015 ore 10:56
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 19:35)

 

Per l’Accademia Tedesca Roma Villa Massimo il primo appuntamento del 2015 in agenda coincide con il 16 febbraio, quando arriverà a Roma il nuovo gruppo di dieci borsisti per le residenze del nuovo anno. Nove più uno, visto che il direttore dell’Accademia Joachim Blüher, con lungimiranza e creatività, ha deciso di convertire una borsa annuale in sei periodiche. Maggiore è la circolazione degli artisti, più alto è il tasso di scambio all’interno della comunità ma anche all’esterno, con la città. I più dunque resteranno a Roma fino al gennaio 2016, e già dopo un mese dallo sbarco nelle serre del parco secolare, nate proprio con l’intento di diventare atelier per artisti, avranno l’opportunità di farsi conoscere. Gli Open Studios sono fissati infatti per il 26 marzo, e punteranno sui lavori già esistenti nel portfolio di ciascun residente. Da tenere bene a mente, perché dopo un anno vissuto nella Capitale si potranno vedere in modo chiaro le differenze. I residenti cambiano tantissimo durante i dodici mesi trascorsi nell’atmosfera e nella luce magica di Villa Massimo. Per capirci: Roma è una fonte di ispirazione che lascia un segno profondo. I nomi degli artisti che conosceremo nei prossimi mesi: Marieta Chirulescu, Maix Mayer, Karin Sander, Saskia Bladt, Vassos Nicolaou, Michael Hirschbichler, Jorg Sieweke, Steffen Popp, Eva Menasse, Bettina Blümner e Tobias Müller (condividono la borsa per le arti pratiche).

Febbraio è anche il mese della trasferta a Berlino: il 19 febbraio l’Accademia Tedesca Villa Massimo si presenta per una notte al Martin-Gopius-Bau, dove i borsisti che hanno appena concluso l’esperienza romana mostrano i frutti della residenza a concittadini e istituzioni. Quest’anno è stato invitato all’evento Sigmar Gabriel, vice Cancelliere e Ministro Federale dell’Economia e dell’Energia. Qualche anno fa, l’ospite d’onore fu Angela Merkel.

Villa Massimo deve molto del suo fascino e della sua capacità di attrazione al non essere un luogo di rappresentanza, bensì una vetrina in tempo reale di quanto sta accadendo in campo artistico in Germania. A Berlino come a Colonia. Gli stessi deejay che vengono inclusi nelle performance, sono i professionisti del momento nel proprio Paese. E’ il contemporaneo tedesco che si presenta a Roma e all’Italia. E anche a tutto il mondo, vista la grande partecipazione agli eventi dell’Accademia da parte dei colleghi artisti residenti nelle accademie straniere che fanno base in città.

Per diventare un borsista di Villa Massimo non è necessario essere un nativo tedesco, è sufficiente essere residente nel territorio della Repubblica Federale. E i designer sono la novità che diventa tradizione: si nominano uno con l’altro, anno dopo anno. Il 2015 è di Andreas Uebele, atteso per la Festa dell’Estate che quest’anno si farà il 10 giugno. E’ l’occasione per conoscere il lavoro realizzato dai borsisti durante la prima parte dell’anno. E’ anche un grandissimo happening, un open party da centinaia e centinaia di ospiti. E un modo per ricordare la nascita del fondatore dell’Accademia, Eduard Arnhold, che ricorre proprio il 10 giugno.

Scorrendo velocemente il programma del 2015. Confermato Electric Campfire, il grande evento di musica elettronica che si terrà l’11 settembre. Un must per i giovani romani. Confermata la Finale del 19 novembre, con gli atelier del Viale degli Artisti aperti al pubblico per presentare il lavoro finale, appunto, dei residenti. Lavori di architettura, arte visiva, composizione, lettura, pittura, installazioni.

Confermato il Concerto all’Auditorium Parco della Musica di dicembre, la ‘vetrina’ della musica classica contemporanea in Germania. Il direttore artistico è sempre il maestro Nicola Sani. E il palco ‘rovesciato’ aggiunge ancora una volta un sapore speciale a questo appuntamento. Ci saranno le Letture Aventiniane di dicembre a Villa Malta, il Concerto Portrait – Suono Ergo Sono di luglio, la Lettura alla Casa di Goethe di aprile, la presentazione del catalogo dell’esperienza ‘Soltanto un quadro al massimo’, il 15 aprile, e Fotografia II a settembre, la rassegna fotografica curata da Ute Eskildsen. Con gli altri borsisti di stanza a Olevano Romano, nella campagna tanto cara ai ‘Romantici’, ospiti di Casa Baldi e Villa Serpentara, che si intrecciano continuamente con i colleghi di città. (r.p.)

 

 

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
25284 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014