torna su
26/10/2020
26/10/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

In Galleria Alberto Sordi arriva la lettera di Galileo a Clavio

L'evento è un'iniziativa della Fondazione Sorgente Group

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 24/02/2015 ore 9:41
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 19:37)

 

 

E’ stata esposta eccezionalmente per un giorno in Galleria Alberto Sordi, per essere celebrata e ammirata dalle migliaia di visitatori che transitano ogni giorno in questo luogo monumentale e centralissimo, prima di ricongiungersi agli altri prestigiosi pezzi della collezione accolta lo scorso novembre nello Spazio Espositivo Tritone della Fondazione Sorgente Group. La mostra ‘Magistri astronomiae dal XVI al XIX secolo: Cristoforo Clavio, Galileo Galilei e Angelo Secchi, testimonianze documentarie e strumenti scientifici’ (prorogata fino al 31 maggio), dal 24 febbraio 2015 propone dunque al pubblico anche la preziosa lettera che Galileo Galilei scrisse il 30 dicembre 1610 al matematico gesuita Cristoforo Clavio, Magister del Collegio Romano, parlando delle fasi di Venere, che avvalorano la teoria eliocentrica, e dei quattro satelliti di Giove da lui scoperti. Il prezioso documento ‘sospeso’ con due fili trasparenti all’interno di una teca, ha suscitato molto interesse. “Abbiamo voluto portare la storia in mezzo alla gente favorendo la lettura dell’emozionante descrizione, con le parole autografe di Galileo Galilei, di una scoperta fondamentale per l’astronomia: i pianeti Medicei” – così Paola Mainetti, Vice Presidente della Fondazione Sorgente Group, ha presentato l’iniziativa di esporre in Galleria Colonna la famosa lettera di Galileo a Cristoforo Clavio. Il documento è stato inoltre protagonista di un reading, affidato alla voce profonda dell’attore e doppiatore Saverio Indrio, proponendo stralci della ‘missiva’ che ripercorre puntualmente le osservazioni di Galileo della volta celeste attraverso il cannocchiale, confermando in sostanza la rotazione del nostro pianeta intorno al sole, la cosiddetta teoria eliocentrica. “Aver fatto uscire dall’Archivio Storico della Pontificia Università Gregoriana l’importante manoscritto per esporlo in un posto inusuale – ha rilevato il Direttore Martin M. Morales – è anche una provocazione tesa a promuovere la conoscenza della nostra importante documentazione presso il grande pubblico e soprattutto fra i giovani. In proposito stiamo collaborando con i licei Visconti, Giulio Cesare e Virgilio”. Alla presentazione della lettera di Galileo in Galleria ha partecipato Claudio Strinati, Direttore Scientifico della Fondazione Sorgente Group, secondo il quale “la lettera ha il grande pregio di essere leggibile, e provoca una grande commozione in chi è sensibile al sapere e alla ricerca scientifica”.

La Mostra “Magistri Astronomiae dal XVI al XIX secolo: Cristoforo Clavio, Galileo Galilei e Angelo Secchi. Testimonianze documentarie e strumenti scientifici” è frutto della collaborazione con l’Archivio Storico della Pontificia Università Gregoriana, e presenta alcuni testi autografi degli studi astronomici di Galileo Galilei, Cristoforo Clavio SJ e dell’astronomo gesuita Angelo Secchi SJ. I documenti esposti sono stati recuperati grazie al progetto di valorizzazione e digitalizzazione del Fondo Clavius, al quale appartengono, finanziato dalla Fondazione Sorgente Group. Completano la mostra gli antichi strumenti di osservazione e di rilevazione appartenenti all’INAF – Museo Astronomico e Copernicano di Roma e il Globo celeste della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23981 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014