torna su
23/09/2020
23/09/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Ventimila luci led per far splendere la Cina

E oltre mille tavole di bambù per custodire la filosofia dell'ex Impero Celeste

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 1/08/2015 ore 14:45
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 19:51)

Un grande prato di fiori gialli. Un’enorme distesa di grano illuminata da luci led. E un unico filo conduttore: la gratitudine. Quella verso la madre di tutti gli uomini, cioè la Terra. Da qui parte il viaggio all’interno del padiglione della Cina a Expo – quello nazionale, beninteso. Perché l’ex Impero Celeste è presente a Rho con altri padiglioni: quello del colosso immobiliare Vanke, disegnato niente meno che da Daniel Libeskind, e quello più corporate, che raggruppa le principali imprese del Paese. Una presenza che conferma l’interesse della Cina nei confronti dell’Italia – tanto da non nascondere “mire” sul sito espositivo, una volta terminata la manifestazione.

Alla base del viaggio all’interno del padiglione nazionale, che si snoda su oltre 4.500 metri quadrati ed è scandito dal tema “Terra di speranza, cibo per la vita”, c’è la filosofia cinese e il suo principio di equilibrio fra uomo e natura. Dopo aver osservato le tradizioni e i grandi passi avanti compiuti dall’agricoltura grazie anche alla tecnologia, lo stupore è assicurato quando si arriva al grande prato dove più di ventimila luci led riproducono un campo di grano che s’illumina di colori sempre diversi. A simboleggiare la necessaria connessione fra natura ed esseri umani, fra “cielo e terra”, connessione attraverso cui si può, e si deve giungere a un mondo migliore, a patto però che sia virtuosa.

Terra e cielo di questo progetto nascono dalla collaborazione fra la Tsinghua University e il Beijing Qingshang Environmental & Architectural Design Institute. Un paesaggio naturale che sa affascinare, non solo per quelle distese che colpiscono la vista, ma anche per il “cielo”, cioè le oltre mille tavole di bambù, lunghe tre metri e larghe uno, che formano il tetto del padiglione.

Alla fine del vostro percorso, da non perdere la tappa al ristorante, dove potrete assaggiare moltissime specialità provenienti dall’immenso Paese orientale, anche a buon prezzo. Lì potreste poi incontrare più di un volto noto. Com’è successo nelle scorse settimane, quando al padiglione cinese è arrivato il grande pianista Lang Lang. E al bar hanno pranzato Al Bano e famiglia.

t.p.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23728 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014