torna su
17/01/2021
17/01/2021

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

“La Grande Madre” accoglie tutti a Palazzo Reale

Inaugurato il nuovo evento di punta del palinsesto di ExpoinCittà

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 26/08/2015 ore 8:57
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 19:53)

In un affollatissimo Palazzo Reale, il comune di Milano ha inaugurato uno degli appuntamenti più attesi del secondo semestre dell’anno di Expo: la mostra “La Grande Madre”, voluta dal Comune di Milano tra gli eventi di punta del palinsesto ExpoinCittà e organizzata dalla Fondazione Nicola Trussardi. Ma in quel bagno di folla mancava proprio il protagonista principale: il curatore, Massimiliano Gioni, enfant prodige dell’arte (40 anni e un curriculum da far invidia a chiunque). Assente più che giustificato, però: ironia della sorte, il motivo era proprio legato al tema della “sua” mostra perché sabato scorso, a New York, è nato suo figlio Giacomo. E così, a raccontare le 400 opere esposte a Palazzo Reale Gioni c’era, sì, ma via skype. Con sopresa finale: i saluti fatti accanto al neonato.

Nel primo giorno di mostra, che resterà aperta fino al 15 novembre, erano presenti non solo molti giornalisti. Quando le porte sono state aperte al pubblico, anche milanesi, turisti e visitatori d’eccezione si sono messi in fila per visitare in anteprima le sale: da Germano Celant a Miuccia Prada a Giò Marconi, accompagnati dai padroni di casa – l’assessore alla Cultura Filippo del Corno e Beatrice Trussardi.

Ventinove in tutto le sale che scandiscono un percorso da non perdere e che attraversa le numerose correnti artistiche del secolo scorso attraverso l’unico tema: la centralità della donna nella società e la sua evoluzione, in particolare in Europa e negli Stati Uniti. Sono 139 le firme coinvolte, fra artisti, registi e scrittori. Tutti legati dalla sola esperienza che accomuna tutti gli esseri viventi, com’è stato ricordato nel corso della conferenza stampa: i nove mesi passati nel grembo materno. Ed ecco allora che ciascuno potrà ritrovare parte di sé, ha sottolineato anche Beatrice Trussardi.

Una mostra che non mancherà di nutrire la mente, ma anche di scioccarla, con le sue molte opere provocatorie. Impossibile citare alcuni artisti (gran parte dei quali sono donne) senza far torto agli altri, ma se qualche nome è d’obbligo farne ricorderemo allora Frida Kahlo e Man Ray, Dorothea Tanning e Yoko Ono, Nathalie Djurberg e Hannah Höch, ma anche Edvard Munch, Lucio Fontana e Umberto Boccioni.

 

t.p.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
24620 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014