torna su
01/12/2020
01/12/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Da sofferenza a vita: la street art trasforma l'ex manicomio

Gli artisti di Muracci Nostri al parco del Santa Maria della Pietà

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 17/11/2015 ore 15:47
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 20:03)

Arte, vita, colori ed emozioni. Nella storia di un luogo segnato dalle sofferenze, ora si respira aria di rinascita grazie a Caleidoscopio, progetto ideato dallo scrittore Maurizio Mequio e realizzato dagli artisti di Muracci Nostri, con l’autorizzazione e il supporto della Asl Rm E. E così l’ex Manicomio di Roma, nel Parco del Santa Maria della Pietà, prende vita attraverso la street art di ventotto artisti per più di trenta muri. Mani che si incontrano, pensieri a Goya, Schifano, Sofocle, Bacon, Merini, ai bimbi che verranno, ai Pinocchi bianchi davanti alla tv e a quelli migranti, tra alberi antropomorfi, nel bosco ci sono occhi che sognano, abbracci e porte dalle quali escono farfalle, camminano piccioni, corrono caffettiere, cadono i miti, quando piove la bellezza. Un lavoro di tre mesi, ancora in corso, che vuole lasciare una traccia indelebile, d’arte e di vita. Hanno partecipato artisti internazionali, ai quali è stato chiesto di prendersi la responsabilità del proprio lavoro, lasciandoli liberi di muoversi contribuendo a voltare una pagina pesante, a riuscire con la loro sensibilità a fare quello che ancora nessuno era riuscito a fare: trasformare l’ex Manicomio di Roma in un parco della poiesis. Gomez, Jerico, Atoche, X, Sgarbi, Roncaccia, Loiodice, Lommi, Durelli, Beetroot, Gore, Chew Z, Alvarez, Lus57, Cutrone, Russo, Farinacci, Pirone, Kenji, Zinni, Lenzi, Fast, poeta del nulla, Carpino, Sbordoni, Sabellico, Carletti, Drao, Noire, Leone, Mobydick, Pino Volpino, Giuliacci, i Pat, sono gli autori del nuovo volto del Parco. Luis Gomez, presente con un intervento poetico su quattro muri, ha lavorato insieme agli utenti del Centro diurno Bambù, alla Comunità per disabili Fuori dal tunnel, Monica Pirone, ha lavorato insieme ad alcuni ragazzi dell’Istituto penitenziario minorile. Sono stati organizzati dei tour per i bambini delle scuole elementari e sono stati invitati i bambini del quartiere a partecipare alla realizzazione di alcune opere insieme agli artisti. (gc)

 

(foto facebook)

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
24266 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014