torna su
24/01/2021
24/01/2021

ADV

CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Mostra di Marie Ducaté all’ Artothèque di Roma

Un'esperienza che trae ispirazione da “Alice nel paese delle meraviglie”

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 1/12/2015 ore 9:32
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 20:05)

Presa alla lettera,la famosa frase di Lewis Caroll: “Ma allora , dice Alice, se il mondo non ha assolutamente nessun senso, perché non inventarne uno?” apre uno spazio dove la lettura del Mondo è tutta da reinventare. Marie Ducaté vi si introduce trascinandoci in un immaginario preso alla fonte della storia fantastica di Alice.
Questa mostra l’abbiamo pensata come se aprissimo una porta e ci ritrovassimo in un giardino meraviglioso lontano dai “cacciatori di rumori”, nel cuore delle sorgenti di colori,  volti a conoscere Alice.
Ed eccoci proiettati al di là dello specchio di fronte ad un Mondo dove la Natura, i personaggi e gli animali respingono il buio, accolgono curve e forme rotondeggianti  in un arpeggio di colori dolci.
Il tempo è sospeso, l’atmosfera leggera e il movimento degli arabeschi balla in tondo su una ricerca d’armonia .
E si comincia a sognare,  a lasciare la piccola Alice crescere e trasformarsi a secondo delle sue esperienze…diventare piccolina o crescere tutta d’un colpo? Ma sarà veramente una storia? Una favola? E se Alice fosse la linea di confine tra il mondo esterno e quello interno? La regina bianca la accusa di vivere all’incontrario e le chiede di imparare a credere nell’impossibile…E se Alice tutto sommato diventasse la rappresentazione atemporale del nostro oscillare tra il ragionevole e l’immaginario, tra il sogno e la realtà?
La volontà di credere in questa variazione dà a Marie Ducaté il coraggio di rendere tutto possibile con il suo pennello che non indugia. La scelta dell’acquerello per quest’artista poliedrica che eccelle sia nella tecnica della ceramica che nella pasta di vetro incisa non è casuale…i lavis danno le stesse sfumature dello sguardo sulle cose o sulla vita. Marie Ducaté non enuncia nulla, coltiva il proprio orto dove chiunque può passeggiare in tutta tranquillità

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
24688 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014