torna su
30/09/2020
30/09/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Alle Case Romane del Celio la scultrice francese Lulù Nuti

Sette installazioni ed un video per una mostra dal titolo “Sistema”

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 16/12/2015 ore 11:43
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 20:07)

Dopo Marco Milia e Giancarlo Neri, la #Takeawaygallery propone, come terzo progetto di arte contemporanea alle #Case Romane del Celio, il lavoro della scultrice italo-francese Lulù Nuti, dal 19 dicembre 2015 al 28 febbraio 2016. La mostra, dal titolo “, è un percorso site specific in cui sette installazioni ed un video rileggono la storia del Monumento elaborando i temi di rovina, metamorfosi e stabilità della materia.

Le sculture, in ferro, legno o gesso ostentano letteralmente il loro essere in bilico tra completezza formale e possibile frattura e, quindi, trasformazione in altro da sé. Il passaggio, l’attimo in cui la magia “si rompe”, la scintilla del mutamento sono le preoccupazioni che guidano la giovane artista, che spiega: «l’equilibrio è un momento di grazia cristallizzato in un ordine fragile; l’istante eterno in cui qualcosa si arresta in una posizione sorprendente minacciando in continuazione la sua stessa fine».

Le Case Romane del Celio, restaurate e riportate alla fruizione nel 2002, sono state per secoli sepolte nelle fondamenta della Basilica dei Ss. Giovanni e Paolo: da luogo attivo, di vita quotidiana, a sito di culto martirale, all’interramento e alla perdita di ogni funzione. Fino ad essere musealizzate nell’ultimo decennio. È il passaggio da una condizione all’altra – frutto di processi lunghi negli anni, o di istanti decisivi – ad interessare l’autrice; la natura di realtà transitoria insita in ogni azione, manufatto o monumento medesimo; la materia come  “effimera”, passaggio tra due stati.

È questa sensazione di precarietà che Lulù Nuti ha deciso di sottolineare con la mostra, disseminando l’ambiente di sculture o installazioni che “giocano” col concetto di equilibrio; lo simulano o lo mettono in scena per davvero. Usando la metafora dell’instabilità, sfruttando come espedienti ambiguità ed equivoco, l’artista racconta la fragilità dell’operato umano, l’eterna ciclicità di nascita e distruzione, la provvisorietà intrinseca di ogni cosa, tutti elementi riconducibili alla storia delle Case Romane stesse.

Lulù Nuti (Levallois-Perret, Parigi, 1988) studia alle Beaux Arts de Paris; nel 2011 rientra nella selezione «under 25» del “Premio Arte Laguna”; nel 2012 viene invitata da Yoko Nakata per una Residenza di un mese in Giappone. Lì realizza un’istallazione in situ in occasione della Biwako Biennale: Metamorphosis Garden. Nel 2013 riceve un premio speciale della giuria al “Prix de la jeune création” di Saint Rémy. Partecipa alla prima Biennale del Disegno di Parigi alla Cité Internationale des Arts, 2014, e nello stesso anno vince “La Résidence”, Dompierre-sur-Besbre. Del 2015 è il “Prix Dauphine pour l’Art Contemporain”, Université Paris-Dauphin, Paris.

19 dicembre 2015 – 28 febbraio 2016

Case Romane del Celio, Roma

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23768 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014