torna su
28/10/2020
28/10/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Al Quirinale presentata guida del Touring su parchi e giardini

Oltre 300 paradisi floreali selezionati per essere parte integrante del turismo

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 24/06/2016 ore 9:00
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 20:27)

Italia giardino d’Europa. Nel Medioevo i giardini erano confinati nei chiostri dei conventi e, al più, nei cortili di qualche palazzo. Furono i Medici a rivoluzionare l’idea di giardino, e a svilupparla secondo gli ideali rinascimentali di perfezione ed equilibrio. Da allora la penisola è diventata il Paese dei giardini: non c’era famiglia nobile che non ne avesse fatto realizzare uno. All’inglese, esoterici, arricchiti di statue e di elementi mitologici, parchi pubblici e orti botanici: era necessaria una guida per censirli e raccontarli. Si chiama “L’Italia dei giardini” ed è pubblicata dall’Associazione Parchi e Giardini d’Italia in collaborazione con il Touring Club Italiano. La presentazione è avvenuta questa mattina al Quirinale a Roma.

 

Si tratta di oltre 300 paradisi floreali, selezionati dai massimi specialisti del settore che da anni profondono impegno ed energie nella conoscenza e nella salvaguardia di un patrimonio sempre più parte integrante dell’offerta culturale e turistica del nostro Paese. Un vero atlante che racconta i tanti spazi verdi sparsi per tutta Italia: dal sistema delle residenze sabaude ai giardini esoterici della Liguria fino ai parchi termali del Trentino. La guida dà la possibilità di scoprire un patrimonio diffuso che è parte integrante delle bellezze artistiche e naturali che tutti ci invidiano. Perché se l’Italia è sempre stata considerata il giardino d’Europa è anche per via dei suoi giardini. Il viaggio attraverso la bellezza fra natura e artificio – come recita il sottotitolo – ha privilegiato i giardini aperti al pubblico o visitabili a determinate condizioni, con l’esclusione di altri, ugualmente importanti, che non rispondono a tali requisiti.  Il censimento conoscitivo dei parchi e dei giardini sull’intero territorio è – insieme all’impegno per migliorare la normativa di settore e alla formazione di figure professionali qualificate – uno degli obiettivi di APGI sin dalla sua costituzione e questa guida costituisce un punto di partenza di sicuro valore per contribuire a far conoscere i nostri beni anche fuori dal contesto nazionale.

 

L’idea di realizzare una Guida ai giardini storici era da tempo un obiettivo dell’Associazione Parchi e Giardini d’Italia, organizzazione nazionale di riferimento e coordinamento degli enti e dei soggetti – pubblici e privati – che si occupano di parchi e giardini: un settore rilevante del nostro patrimonio culturale, sempre più inserito nell’offerta turistico-culturale del paese. L’incontro con il Touring Club Italiano, da sempre impegnato nello sviluppo del turismo e nella valorizzazione e protezione dell’ambiente, nonché uno dei soci fondatori più prestigiosi dell’Associazione, è stato naturale. L’unione di così alte competenze ha portato alla realizzazione della Guida “L’Italia dei giardini, viaggio attraverso natura e artificio” che si differenzia dalle guide consuete.

 

La Guida è il risultato di una perfetta sinergia fra varie istituzioni che, soprattutto in momenti di scarsa coesione come quello in cui viviamo, è importante sottolineare: un felice connubio fra Soprintendenze, Università, Centri di Studio e Associazioni. La guida è organizzata per regioni –dal nord al sud- e per ognuna, in apertura, vi è una pianta con le localizzazioni. Ad ogni giardino, in rapporto all’importanza, è dedicata una scheda storico-descrittiva, corredata di tutte le informazioni pratiche per la visita, comprese le coordinate GPS. All’interno di un singolo giardino sono talvolta presenti alcuni brevi approfondimenti (su un architetto, un committente, una curiosità) mentre per alcune regioni sono stati individuati vari argomenti significativi che più le caratterizzano. Le trecento e più schede della guida permettono, tuttavia, un interessante e inedito itinerario di viaggio dai primi giardini umanistici ad alcune eccellenze dei nostri tempi, spaziando dalle armoniose geometrie dei giardini rinascimentali alle spettacolari scenografie barocche ai giardini misterici e iniziatici, fino agli orti botanici e ai giardini sedi di collezioni di opere d’arte.

 

Il nostro Paese è uno dei più ricchi nel campo dell’arte dei giardini. Pagina dopo pagina questa guida delinea un suggestivo itinerario tra sorprendenti scenari di architettura e natura. Oltre 300 giardini sono descritti e illustrati, testimonianze del gusto, della storia, del senso della bellezza e dell’autenticità dei luoghi in cui sono stati creati. Un invito alla visita di giardini pubblici e privati che, diversi in ogni regione, si distinguono per la maestria con cui l’uomo ha saputo realizzarli e cerca oggi di preservarne il valore paesaggistico, artistico e culturale.

 

Alla presentazione sono intervenuti:
Francesco Scoppola: Dirigente Generale Decano Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Ludovico Ortona: Presidente Onorario APGI Associazione Parchi e Giardini d’Italia
Franco Iseppi: Presidente Touring Club Italiano
Paolo Pejrone: Presidente APGI Associazione Parchi e Giardini d’Italia
Alberta Campitelli: Vicepresidente APGI Associazione Parchi e Giardini d’Italia
Vincenzo Cazzato: Presidente Comitato Scientifico APGI, Curatore del volume
Vittoria Colonna di Stigliano: Consigliere APGI e rappresentante proprietari di giardini

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
24000 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014