torna su
21/10/2020
21/10/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

LUOGHI DA LEGGERE: Bruges la morta di Georges Rodenbach

Perdita dell'amore, dolore, allucinazioni. La nuova edizione di Fazi Editore

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 3/09/2016 ore 13:26
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 20:34)

Bruges la morta di Georges Rodenbach, Fazi Editore

 

In queste settimane abbiamo seguito l’idea di scegliere e leggere con voi libri spesso in classifica e comunque freschi di stampa.

Il romanzo di oggi, invece, viene da un tempo e da una scrittura molto lontana. Ma rappresenta pienamente  il concetto base  della nostra rubrica “LUOGHI DA LEGGERE”.  Più di altri racconti è legato ad un luogo definito e definibile. 

BRUGES LA MORTA di Georges Rodenbach fu pubblicata a puntate su Le Figaro nel 1892 e solo in seguito divenne libro.

Ora Fazi Editore, che ringraziamo per la scelta, lo ripropone con una veste grafica contemporanea e sicuramente più accattivante.

La trama è quella originale: perdita dell’amore, dolore, allucinazioni e morbosità, peccato e morte. Tutto si muove in un’ atmosfera nebbiosa, fra  mille canali stagnanti, il grigiore delle case e le campane che, come un’ossessione, scandiscono il tempo. La città di Bruges, dove la vicenda si svolge, non è uno sfondo ma un personaggio. Anzi la vera protagonista della storia.

L’improvvisa scomparsa della giovane e bella moglie spinge il vedovo (Hugues Viane) a isolarsi nella  cupezza del pensiero e della località. Si concede una sola uscita  al tramonto e come un vagabondo sconfitto attraversa la città. Noi, con lui, respiriamo quella foschia umida e scivoliamo sempre più nella sua delirante tristezza. Ma una sera sul suo percorso irrompe improvvisa la visione di una figura femminile che gli pare identica alla moglie morta. Da qui il cambio radicale del suo misero quotidiano. Nuove aspettative e l’ossessione sempre più incalzante di rendere quella donna un clone dell’amore perduto. Fantasie morbose e trasposizioni, illusioni e precipizi, conflitti di realtà e giochi di ruolo che trascinano verso un tragico e fatale epilogo.

 

L’atmosfera è così allucinata e la tensione così profonda che  hanno suggerito ad Hitchcock, nel 1958, la trama del film “La donna che visse due volte” (A.R.) 

 

Musica dal vivo di Enrico Morsillo, Improvvisazione n°23

 

Luoghi di vacanze, luoghi di viaggio e luoghi da leggere. Da questo mix nasce

                                                                                                              LETTURE DI LUOGHI

Ogni settimana vi proponiamo un libro ambientato in un Paese diverso. Un’iniziativa che unisce web e carta stampata. La cover del sabato è dedicata all’audio della recensione e di una pagina del titolo scelto. 

Queste “pagine scelte” sono sempre consultabili in podcast nel settore Arte e Cultura.

Da un lato Radiocolonna propone una libro-notizia, dall’altro per gli autori è un’ opportunità di rinnovare sulla Rete la presenza delle loro opere.

E per tutti un modo di vivere i luoghi lasciando da parte, per un momento, le guide turistiche. (ndr)

 

 

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23939 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014