torna su
27/10/2020
27/10/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Sulle tracce dell’eterno amore dell’imperatore Adriano per Antinoo

La mostra Antinoo, un ritratto in due parti, a Palazzo Altemps, ricostruisce i frammenti di una grande storia d’amore

Avatar
di Redazione | 2016-12-15 14/12/2016 ore 8:30
(ultimo aggiornamento il 15 Dicembre 2016 alle ore 12:40)

 

“Chi ama il bello finisce per trovarlo ovunque, come un filone d’oro che scorre anche nella ganga più ignobile, e quando ha tra le mani questi mirabili frammenti, anche se insudiciati, e imperfetti, prova il piacere raro dell’intenditore che è il solo a collezionare ceramiche ritenute comuni.” Da Memorie di Adriano di Marguerite Yourcenar

Ci sono amori che durano tutta la vita, amori che sfidano il tempo, amori che riempono una vita intera, amori che sfidano la divinità, amori dalle tracce eterne…Fu questo l’amore dell’imperatore Adriano per Antinoo, un adolescente bellissimo, nato a Bolu, una cittadina dell’attuale Turchia. Adriano lo conobbe in uno dei suoi tanti viaggi in oriente dove, da illuminato imperatore quale fu, portò la politica del dialogo e dell’accoglienza.

Una mostra imperdibile Antinoo, un ritratto in due parti, fino al 15 gennaio 2017, nella splendida cornice di Palazzo Altemps a Roma, riporta in auge una storia d’amore e di reperti ricomposti . In questo luogo magico, oltre alla contemplazione del volto di Antinoo, sarà possibile ammirare la meravigliosa statuaria antica con sculture greche e romane, dei secoli XVI e XVII, in un’atmosfera senza eguali .

ph virginia zullo

Busto di Antinoo

ph virginia zullo

interno cortile , Palazzo Altemps

Palazzo Altemps deve il suo nome al cardinale Marco Sittico Altemps, proveniente dall’Alto Tirolo, che lo acquistò nel 1568 e ne fece la sua dimora romana.Il Palazzo è composto da due grandi piani disposti intorno ad un bellissimo cortile decorato da una fontana monumentale, all’interno conserva buona parte degli affreschi originari e una Chiesa  rende ancor più suggestiva l’atmosfera. Alla Chiesa, dedicata a papa Sant’Aniceto, con annessa grande sacrestia, si accede da un ampio salone dove troneggia un enorme camino di marmo .

interno salone , Palazzo Altemps

interno salone , Palazzo Altemps

L’importanza storico archeologica della mostra Antinoo , un ritratto in due parti , è di primaria importanza perché riunisce il busto di Antinoo, una scultura del II secolo dopo Cristo conservato a Palazzo Altemps, con un rifacimento del viso posteriore e un volto della stessa epoca proveniente dall’Art Institute di Chicago; ai due reperti si affianca un gesso realizzato recentemente dallo Studio MCM di Roma che si trova a Chicago.La mostra vuole attestare che il reperto romano e quello conservato negli Stati Uniti facevano parte di un unico marmo, entrato nella collezione Ludovisi di palazzo Altemps , smembrato, ma rifatto, nella parte mancante, attorno al 1756.Di questa sovrapposizione si accorse per la prima volta il grande storico dell’arte Winckelmann che visitando Villa Ludovisi al Quirinale annotò nel taccuino che quell’Antinoo aveva «un volto nuovo».Dove fosse finita la testa antica non si è mai saputo. Dieci anni fa Raymond Johnson, egittologo all’Università di Chicago in viaggio a Roma a Palazzo Altemps, vide la statua di Antinoo. Osservandolo si ricordò di una testa di Antinoo, scolpita nell’identico marmo, conservata presso l’Art Institute di Chicago.La testa fu acquistata a Roma nell’aprile del 1898 da C. L. Hutchinson, primo presidente dell’Art Institute di Chicago.L’egittologo Johnson ha trascorso dieci anni a verificare la sua intuizione attraverso l’analisi del marmo in entrambi i pezzi della statua e ricerca delle fonti antiquarie che documentano i diversi percorsi del busto e della testa. Pare confermata l’ipotesi che i due pezzi appartengano a una medesima scultura.

ph Virginia Zullo

interno mostra Antinoo, un ritratto in due parti

Oltre l’ intricata storia di sovrapposizioni e ritrovamenti, l’importanza della mostra sta nel suo invito  a ripensare   ad un amore dalla struggente poesia, di questa storia meravigliosa che vide un sensibile e potente imperatore come Adriano innamorato di Antinoo, bellissimo e fragile , abbiamo la trasposizione romanzata di Marguerite Yourcenar che con il suo romanzo Memorie di Adriano fa rivivere, in pagine indimenticabili, l’interiorità, l’intelligenza e il tormento umano di Adriano .

img_5095 ph virginia zullo

esterno, facciata Palazzo Altemps

Antinoo fu per Adriano simile a un dio, per citare un bellissimo verso di Saffo, l’amore di Adriano fu tale che quando Antinoo si suicidò buttandosi nelle acque del Nilo, l’Imperatore , dilaniato dal dolore della perdita, lo trasformò in un dio da venerare dando il suo nome ad una città: Antinopoli.Usò il suo potere per istituire una divinità in suo onore, Antinoo fu assimilato al dio egizio Osiride e successivamente anche ad Ermes e a Dioniso, il suo volto bellissimo, con i capelli ricci, il naso perfetto, la bocca carnosa, apparve su lampade, vasi di bronzo ed altri oggetti dell’esistenza quotidiana.

interno mostra Antinoo, un ritratto in due parti

interno mostra Antinoo, un ritratto in due parti

Tale fu la venerazione per Antinoo che sono state tramandate un numero di immagini superiori a quelle dell’imperatore Augusto e delle stesso Adriano, fu venerato in Grecia, Asia minore, fino alla parte più orientale dell’impero.La mostra e la storia di sovrapposizioni di reperti e smarrimenti testimonia proprio di questa grande diffusione del culto di Antinoo.

interno, fontana Palazzo Altemps

interno, fontana Palazzo Altemps

Recarsi a Palazzo Altemps per ammirare il volto di Anitinoo è come rendere un tributo se non al dio quantomeno all’ idea di un amore eterno, unico e sconfinato che Antinoo e Adriano incarnano.

 

 

 

Antinoo, un ritratto in due parti

 Dal 15 Settembre 2016 al 15 Gennaio 2017

ROMA

Museo Nazionale Romano – Palazzo Altemps

Tel. +39 06 684851

http://archeoroma.beniculturali.it/

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23981 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014