torna su
21/11/2019
21/11/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

C’era una volta l’Urss allo spazio Azimut in Via Flaminia

Una rassegna sui capolavori dell’arte figurativa oltrecortina a partire dagli anni ’50

Avatar
di Redazione | 2016-12-16 16/12/2016 ore 14:36

Il 16 dicembre alle ore 18, presso Azimut in via Flaminia 133, viene inaugurata la mostra C’era una volta l’Urss, grande pittura figurativa d’oltrecortina, a cura di Giovanni Argan. La mostra presenta al pubblico una rassegna di opere d’arte sovietiche, realizzate tra gli anni ’20 e gli anni ’80; con l’obiettivo di ripercorrere le grandi linee dell’evoluzione del movimento artistico socialista, fino a sottolinearne l’influenza sull’arte contemporanea. Scene di lavoro in fabbrica e nel kolchoz, momenti di vita intima e quotidiana, vedute cittadine e industriali aprono scorci inediti su un mondo ormai dissolto.

Le opere in mostra illustrano i mutamenti stilistici e tematici che, a partire dagli anni ’50, si insinuarono nel movimento artistico di stato del realismo socialista (1934- 1992), quali il “risveglio della vita interiore” dei soggetti rappresentati (M. Bown) e la fioritura della pittura di paesaggio. Durante il periodo chruščëviano (1953-1964), infatti, alcuni artisti iniziarono a conferire ai protagonisti delle loro opere un’umanità del tutto nuova, abbandonando l’austerità eroica che caratterizzava i personaggi dell’epoca staliniana; altri si dedicarono alla pittura di paesaggio, dipingendo en plein air e dando vita ad un vero e proprio “Impressionismo sovietico”, caratterizzato da pennellate larghe e sciolte. C’era una volta l’Urss è un viaggio alla riscoperta dell’universo d’oltrecortina, che si propone di far conoscere al pubblico italiano uno straordinario periodo artistico, che ridiede centralità all’uomo, al lavoro e alla vita collettiva.

«Oggi che l’avventura dell’Unione Sovietica si è oramai conclusa, è giunto il momento di guardare quest’arte figurativa, con uno sguardo nuovo, curioso e libero da sterili preconcetti ideologici» questo è il sentito auspicio di Giovanni Argan, curatore della mostra.
Le opere in mostra sono state realizzate da maestri del calibro di: Natan I. Al’tman (1889- 1970), Fëdor P. Malaev (Mariupol’, 1902 – Mosca, 1989), Adriana S. Magidson (Mosca, 1906 – Mosca, 1981), Viktor M. Ladviščenko (Leningrado, 1930), Nikita P. Fedosov (Mosca, 1939 – Veški, 1992), Iurij V. Gorbunov (Kostroma, 1933), Mikhail A. Кaneev (Kaneevo, 1923 – Leningrado,1983), Ivan V. Kolesnikov (oblast’ di Belgorod, 1923 – Lipeck, 1999). Inoltre sono esposti i lavori dell’artista italiano Leonardo Crudi (Roma, 1988), la cui poetica è incentrata sul recupero degli stili delle avanguardie russe.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
21595 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014