torna su
14/04/2021
14/04/2021
Live TV

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Carlo Conti e Sanremo:sciacallaggio mediatico

In rete e sui telefonini vola il messaggio che incita a disertare il festival in TV. Il compenso di Conti e la tragedia di Rigopiano messe a confronto

Anna Ricca
di Anna Ricca | 2017-02-5 5/02/2017 ore 19:16

casinò e festival di sanremo

Pubblichiamo questo messaggio che nell’arco di una settimana è arrivato (forse più volte) sui nostri telefonini. Niente di che. Ne’ allarmi ne’ breaking news. E’ solo uno squallido miscuglio di realtà e fatti diversi. Un colpo basso che mette insieme tutto quello che in questi giorni colpisce l’Italia (manca il sindaco Raggi ma sarà stata una svista): dolore, paura, canzonette, share e CONTRIBUTI VOLONTARI AI TERREMOTATI. Un pastone che, però, sicuramente avrà presa su qualche ingenua e fragile mente.

” La Rai per il prossimo Festival di Sanremo pagherà per sole cinque serate al conduttore Carlo Conti ben 650.000 euro, oltre ad altri emolumenti per la conduzione di altri programmi sulla Rai.
Sempre per Sanremo la Rai pagherà per soli 15 minuti di apparizione ben 50.000 euro ciascuno a Mika, a Ricky Martin e Tiziano Ferro.
A Maurizio Crozza per le cinque serate ben 100.000 euro.
Tutto questo a fronte di un buco di 400 milioni di euro nel bilancio aziendale della Rai.
Ma c’è di più: nelle cinque serate del Festival di Sanremo Conti ci chiederà di offrire 2 euro col telefono fisso o cellulare per le zone terremotate.
Vi dico solo che ben 26 milioni di euro che gli italiani avevano già offerto con il telefono sono ancora bloccati a Roma?.
La richiesta per pulire la strada dell’hotel Rigopiano in Abruzzo, come ben sapete, era partita già dalle sette del mattino e fu risposto che non potevano liberare la strada dalla neve perché l’unica turbina in tutta la provincia di Pescara in pieno inverno era rotta.
La provincia di Pescara non aveva 25000 euro per ripararla, a causa dei tagli dei fondi dal governo.
Sapete tutti come è purtroppo andata a Rigopiano.
Ora, cari amici, la spegniamo la tv o per lo meno non guardiamo Sanremo per tutte le 5 serate? Facciamo crollare l’audience!
Diamo un segnale, boicottiamo il Festival di Sanremo.
Penso sia il minimo che si debba fare, anche per le vittime di Rigopiano. Se sei d”accordo inoltra il messaggio”

Un nulla tira l’altro.   Così tra una chat oggi e una gonfiatura domani i social girano e il mondo dell’informazione spicciola si degrada e deprime il nostro senso critico ed emotivo. Un messaggio martellante che arriva da contatti che avevamo giudicato “esseri pensanti” . Stessa cosa accadde per l’inno ai sacrifici lanciato da Gentiloni, o la raccolta fondi per insistenti persone bisognose, ecc.

Le vecchie Catene di Sant’Antonio  alzano il tiro, forzano la rete e il digitale ne favorisce la crescita indiscriminata. A qualcuno prodest sicuramente soprattutto se questi “annunci” chiedono il tuo like e, a cascata, quello dei tuoi amici.

Carlo Conti si è fiondato su Oggi per rilasciare un’intervista a sua discolpa, i quotidiani ne parlano, la gente ne discute, tutti si scandalizzano e intanto la cultura generale crolla verticalmente. Sanremo sarà anche una manifestazione “datata” ma gira che ti rigira se ne parla da un anno con l’altro, milioni di italiani la seguono e gli introiti NETTI di mamma Rai sono belli importanti. Il Conti di questa edizione si becca le tirate social ma, sarebbe stato identico per qualunque nome fosse andato all’Ariston. Che dire dell’indignazione per i compensi di Fazio o di quelli più antichi di Baudo? Domani c’è la conferenza stampa di presentazione del festival ed è logico immaginare che il “bastonato presentatore” sarà abbagliato dai flash e dall’argomento cachet che, con acume implacabile alcuni colleghi, useranno come fosse la domanda del secolo. L’incubo dello sciacallaggio informativo è ormai una realtà sicura. (anna ricca)

Stampa

A proposito dell'autore

Anna Ricca
690 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014