torna su
02/12/2020
02/12/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Da Nerone a oggi Roma brucia ancora

Il 18 luglio del 64 scoppiò il grande incendio di Roma al tempo dell’imperatore romano Nerone

Anna Ricca
di Anna Ricca | 2017-07-18 18/07/2017 ore 9:29

Nel 64 d.c. iniziava, nella notte, il grande incendio di Roma. Le fiamme partite dalla periferie e dalle zone povere dei suburbi ha fatto presto piazza pulita di tutto quel degrado che inquinava l’immagine della Capitale. Lì le baracche di povero legno si alternavano alle sterpaglie e ai rifiuti accumulati. Le fiamme hanno trovato, così facili e innumerevoli inneschi. L’estate era torrida, come mai si era vista. Niente pioggia a fermare il fuoco. Ma di quartiere in quartiere, da zona verde a zona verde, il rogo aumenta di intensità e la sua forza diventa inarrestabile. In 9 giorni il 90% di Roma era distrutto. Tutto il brutto e tutto il bello ridotto alla medesima polvere grigia. Impossibile puntare il dito su eventuali responsabili. Certo: all’incuria, al disordine e al sudiciume poteva essere attribuita gran parte della colpa. Dopo la grande paura, il sole costantemente nascosto dall’infernale fumo, dopo la morte e la distruzione, i vertici della Città hanno iniziato a valutare la ricostruzione di Roma con concetti più funzionali e moderni. E per quanto lunga e, a volte dolorosa, la riedificazione è stata radicale e finalmente all’altezza di una vera Capitale………

Stampa

A proposito dell'autore

Anna Ricca
648 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014