torna su
06/05/2021
06/05/2021
Live TV

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Quell’incredibile incontro di tanti anni fa in una trattoria romana

Che ci facevano De Niro, Leone, Garcia Marquez, Muhammad Ali e Gianni Minà insieme?

Giacomo Di Stefano
di Giacomo Di Stefano | 2019-08-19 19/08/2019 ore 18:30

C’è la star del cinema Robert De Niro, il grande regista Sergio Leone, una stella della boxe come Muhammad Ali, il premio Nobel per la letteratura Gabriel García Márquez e il giornalista Gianni Minà. Siamo nei primi anni ’80, e tutti questi mostri sacri nei rispettivi settori della cultura e dello sport si trovano in una popolare trattoria romana di Trastevere. Quello che sembra un racconto di fantasia o l’inizio di una barzelletta è un fatto realmente accaduto – opportunamente ripreso in una magnifica istantanea – grazie alle abilità relazionali e alla rete di conoscenze di ogni tipo di Minà. Capacità che, in seguito, spingeranno Fiorello a inscenare un’irresistibile imitazione di Minà, dipinto come l’uomo che conosce tutti:

 

Quell’episodio incredibile di tanti anni fa è stato raccontato successivamente dallo stesso giornalista, che ha svelato i dettagli e le dinamiche cinematografiche di un incontro che è rimasto nella storia:

 

‘All’epoca frequentavo Robert De Niro, che era a Roma per girare “C’era una volta in America”, il film di Sergio Leone, ed una sera mi chiamò.
Mi chiese:
-“Gianni, come va? Che hai da fare oggi?”.
– Io gli risposi: “Sono con Muhammad Ali stasera, stiamo per andare a cena”.
– De Niro sobbalzò e disse: “Con chi è che stai? Cioè, stai andando a cena con Muhammad Ali e non me lo dici?
Cioè è il mio idolo di sempre.
Io vengo a cena con te stasera Gianni”.

Dopo un po’ ricevetti una telefonata di Sergio Leone, per la verità un po’ arrabbiato, e mi disse che De Niro non sarebbe potuto venire perché quella sera avevano un importante incontro per definire alcune scene del film, quindi non si poteva fare nulla.

Io gli dissi che in realtà non c’entravo niente, stavo solo andando a cena con Muhammad Alì e Robert si era voluto aggiungere.
A quelle parole, Leone disse:
– “Cosa??? Cioè tu e Robert state andando a cena con Muhammad Ali e non mi avete detto nulla?”.

Volle a tutti i costi accodarsi anche Sergio Leone.
A quel punto mi preparai e, una volta pronto, stavo quasi per uscire, ma suonò di nuovo il telefono.
Era il premio Nobel Gabriel García Márquez che era a Roma per cenare anche lui con Sergio Leone e De Niro, ma aveva appena appreso che l’incontro era saltato perché c’era una cena con Muhammad Ali.
Morale della favola?
Ci ritrovammo tutti a cena da “Checco il Carettiere” e mi ricordo che mettemmo tutte le donne da una parte del tavolo e noi dall’altra, perché non volevamo assolutamente farci disturbare; e passammo l’intera serata a fare domande a Muhammad sulla sua carriera e sui suoi match.
Ci raccontò tutto.
Io, De Niro, Marquez e Sergio Leone ascoltavamo: eravamo tornati tutti bambini’

Stampa

A proposito dell'autore

Radiocolonna, Il Messaggero, Wired Italia. Tecnologia, politica e cronaca di Roma.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014