torna su
11/04/2021
11/04/2021
Live TV

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Egeria la travel blogger del IV secolo

Racconti pieni di libertà, di avventura e di scoperte. Pagine che sarebbero “moderne” oggi e invece vengono da secoli lontani. Egeria una donna fuori dal tempo

2020-03-21 21/03/2020 ore 16:30

Sono affascinanti e coinvolgenti i racconti e le immagini delle travel influencer che viaggiano e condividono le esperienze vissute in tutto il mondo. Ci portano in posti mai visti, affrontano rischi e scoprono meraviglie della natura. Gli incontri con le persone fanno parte del viaggio e lo arricchiscono e caratterizzano con usi e costumi che accrescono le nostre conoscenze.

E’ quasi sconvolgente che constatare come non sia nulla di discordante fra EGERIA (di cui parliamo nel pezzo) e le travel blogger di oggi.. Sono tutti viaggi che mettono al centro una ricerca ma, certo è che Egeria svolse questa impresa, quando la donna aveva solo un ruolo marginale nella società.

Attraversiamo oceani, isole, momenti felici, introspettivi e quotidiani, conosciamo persone per 17mila miglia con Erica Giopp, vincitrice del premio Giuseppe Mazzotti, con il suo libro “Un anno in Barcastop”.

Lei romana di adozione, vive e lavora nella capitale. Veneta di origini, ha deciso di lasciare tutto e di affrontare un anno dedicato al viaggio in barca a vela attorno al mondo.
Ha saputo rendere partecipi i lettori dei propri limiti e della descrizione dei diversi equipaggi che si sono alternati al suo fianco. Regalandoci, così, emozioni sconfinate come è sconfinato il mare aperto. E poi i luoghi di approdo che hanno acquistato un punto di vista diverso, proprio perché vissuti dopo giorni e giorni di navigazione.

Erica ha vinto il premio della giuria e il premio speciale di 40 lettori perché ha saputo raccontare con assoluta ironia scanzonata, un viaggio complicato tra i luoghi, gli aspetti introspettivi e la scoperta finale che “i veri eroi sono quelli che vivono ogni giorno assaporando quello che per loro è l’essenziale”.

Ma dai giorni nostri facciamo un balzo indietro nel tempo e raggiungiamo il IV secolo d.C. e troviamo un diario di viaggio, un “l’itinerarium”, quasi un cammino di purificazione interiore di una nobildonna o badessa dal nome Egeria.

Si entra nel fascino e nella sorpresa dell’incontro con questa figura straordinaria. E ci chiediamo come sia stato possibile che una donna abbia osato tanto, attirando inoltre su di sé, non solo il giudizio incredulo, ma, anche la tanta ammirazione dal mondo maschile. In quei tempi non certo propenso a decantare le imprese delle donne?

Il suo viaggio/pellegrinaggio ”Peregrinatio Egeriae” verso Gerusalemme, è un incalzare di emozioni, di fatiche e di incontri.

La storia e la ricostruzione avvengono  con il ritrovamento, in una biblioteca di un manoscritto.

Le pagine tradotte  dall’abate Mons. Ferotin, portarono ad attribuire il manoscritto, più che polveroso e dimenticato, alla “beatissima” Egeria.

Si trovano testimonianze scritte che ne confermano la considerazione incontrastata del monaco Valerio di Benzio nel VII secolo. Tutto questo grazie alle  sue virtù di donna e al suo lungo peregrinare nei luoghi biblici.

I  natali di Egeria non sono ben certi, forse è della Gallia, perchè nel suo diario quando deve attraversare l’impetuosità del fiume Eufrate, lo confronta con il Rodano. Altri studiosi pensano possa essere della Galizia per alcuni riferimenti rinvenuti nel manoscritto.

Sta di fatto che, come racconta nel suo diario “ itinerarium” partì per la Terrasanta tra il 381 e il 384 e raggiunse per mare Costantinopoli, poi attraversò territori a cavallo, svolse il suo pellegrinaggio a piedi, attraversò monti e visitò la Cappadocia, percorse la strada per Emmaus e raggiunse Gerusalemme.
Arrivata a Gerusalemme rimase lì per tre anni, e tenne la città come “campo base” per visitare l’Egitto la Samaria.
E come un’ odierna “Donna avventura” si inerpicò su per i monti sacri il Sinai, il Tabor, il monte delle beatitudini e il monte presso Gerico.

Fece incontri tra cui la diaconessa Marthana e per raccontare questo incontro usò tutta la sua espressività femminile.

Riproponiamo il viaggio, pensando alle tappe del pellegrinaggio di una grande donna, pensiamo ai viaggi di ora come di allora, mezzo di ricerca e di conoscenza di sé, dei luoghi e degli altri, trovandone sempre il valore essenziale. Ecco l’itinerario:

Mappa-Egeria

Costantinopoli
Bitinia- Galizia – Cappadocia                                                                                                                      Gerusalemme
Egitto – Tebaide- Alessandria – 381-382                                                                                                        Gerusalemme
Samaria – Galilea –Cafarnao                                                                                                                     Gerusalemme                                                                                                                                                        Visita al monte Sinai 16 dicembre 383                                                                                                          Gerusalemme
Monte Nebo                                                                                                                                              Gerusalemme
Sichen – Salem                                                                                                                                        Gerusalemme e partenza 384
|Antiochia
|Tarso – Corico – Seleucia
|Tarso Monte Tauro Bitinia
|Cappadocia Galazia Bitinia                                                                                                                       Costantinopoli

Silvia Trevisan

Stampa

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014