torna su
25/09/2020
25/09/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Romiti: caduta e morte di un mito

Dopo 25 anni al vertice della Fiat alla fine deluse l’avvocato Agnelli con la pretesa di una eccezionale buonuscita che, però, non seppe sfruttare.

Claudio Sonzogno
di Claudio Sonzogno | 2020-08-18 18/08/2020 ore 13:38

Con la morte di Cesare Romiti alla veneranda età di 97 anni viene ricordato un lungo periodo della storia industriale del Paese che l’ha visto, indubbiamente, un incontrastato protagonista nel bene e nel male.

Dopo l’esperienza nelle cosiddette, all’epoca, partecipazioni statali, al gruppo edile Italstat, nel 1974 approda alla Fiat, dove resta al vertice per venticinque anni.

Nell’autunno caldo promuove la marcia dei quarantamila, che lo identifica come ‘’manager di ferro ’’, esponente della linea dura con i sindacati, che risulterà vincente e confermerà il suo potere incontrastato nel gruppo di Gianni Agnelli, mietendo vittime illustri.

Dopo Carlo De Benedetti, che ha dovuto lasciare dopo appena 150 giorni di dualismo gestionale con Romiti, sarà poi la volta di Vittorio Ghidella, a cui non bastò il successo della ‘’Uno’’, da lui inventata, per restare alla guida della Fiat Auto. Con lo stesso Umberto Agnelli, fratello dell’ ‘’avvocato’’, non visse una facile stagione.

Alla capacità gestionale, caratterizza dal pugno di ferro che, come alcuni giornalisti ricordano, entrava persino nel giornale del gruppo, ‘’La Stampa’’, Romiti non si dimostrò altrettanto valido ad individuare la strategia del gruppo. Portò infatti avanti una diversificazione delle attività, che ha sottratto fondi allo sviluppo del core business, e che poi Sergio Marchionne dovette smontare pezzo su pezzo.

Gli anni di Tangentopoli rappresentarono una fase delicata e costarono al gruppo una condanna di falso in bilancio, poi revocata nel 2003 quando non era più un reato penale.

Ambienti vicini alla famiglia Agnelli ricordano che l’ ’’avvocato’’ restò molto amareggiato dalla milionaria buonuscita ‘’pretesa’’ da Romiti, grazie alla quale arrivò al controllo delle Holding finanziaria Gemina – a cui faceva capo anche Rcs -, ed entrò nel business delle infrastrutture, come azionista di Impregilo e di Aeroporti di Roma.

L’esperienza imprenditoriale diretta, condotta insieme ai figli, non risultò però fortunata, tanto che alla fine Romiti fu costretto a cedere tutte le partecipazioni, confermando i limiti della sua capacità imprenditoriale, nonché umana, tanto nella vita come nel lavoro.

Stampa

A proposito dell'autore

Claudio Sonzogno
157 articoli

Giornalista professionista dal 1969, ha diretto agenzie di stampa nazionali dal 1972 al 2011. Da Direttore dell'Agenzia finanziaria Radiocor e dell'Agenzia Giornali Associati, AGA, a Direttore dell'Asca, la prima agenzia italiana su Internet. Dal 2009 al 2011 Direttore dell'Agenzia APCOM/TMnews, oggi Askanews, innovativa nelle videonews. Ha collaborato con L'Espresso. Opinionista per i Gr della Rai, ha partecipato a programmi di economia. Scrive per "Prima Comunicazione".

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014