torna su
26/11/2020
26/11/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Teatro dell'Orologio, i sei personaggi di Pirandello secondo VQM

La compagnia VicoQuartoMazzini in scena fino all'1 marzo

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 18/02/2015 ore 10:56
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 19:37)

 

La compagnia VicoQuartoMazzini porta in scena per la stagione 2014 – 2015 del Teatro dell’Orologio, dal titolo What’s the Time?, una delle opere più celebri di Luigi Pirandello, ‘Sei personaggi in cerca d’autore’.  Lo spettacolo è in scena dal 17 febbraio all’1 marzo in Sala Orfeo.

Sei personaggi negati dallo scrittore che li ha concepiti irrompono in un teatro durante le prove di uno spettacolo. Devono rappresentare il proprio dramma, devono a tutti costi, ne va della loro ragion d’essere.

Sono un padre, una madre e i loro figli; portano con sé il fardello di una storia tremenda, macchiata di sangue e vergogna. Una storia che li renderà interpreti di un tormentato dramma di cui tutti e sei conoscono già i tremendi risvolti. Eppure devono vivere il loro dramma, sono nati per questo. E non si tireranno indietro.

Scrive il regista Gabriele Paolocà: “I Sei Personaggi tentano il loro autore nell’ora del crepuscolo, quando egli, abbandonato su una poltrona, lascia che l’ombra invada la sua stanza e che quell’ombra brulichi della loro presenza. E’ questa l’immagine con cui Pirandello descrive il sacro momento della creazione, è un’immagine magica e inquietante, bianca e nera: la questione creativa è una questione di vita o di morte. Pirandello intende l’artista come un sensitivo succube di un’idea che s’impadronisce della sua testa, che ne modifica lo sguardo e la realtà. Ed è così che la realtà, quella riconosciuta da tutti, diventa distante, la realtà di un altro pianeta. In che mondo vive un artista? Qual è la sua verità? Quanto una ‘realtà altra’ diventa alienazione e quanto diventa ancora di salvezza. Affrontare Pirandello vuol dire sedersi accanto a lui, in quell’ora del crepuscolo, per fare la conta dei propri fantasmi. ‘Ho scritto questa commedia per liberarmi da un incubo’, annota Pirandello nella sua presentazione. E se invece di allontanarsi, quell’incubo s’impadronisse di noi?”.

Il nucleo principale della compagnia VicoQuartoMazzini è costituito da Michele Altamura, Nicola Borghesi, Riccardo Lanzarone e Gabriele Paolocà che, nel 2007, si incontrano alla Civica Accademia d’Arte drammatica ‘Nico Pepe’ di Udine.

La sfida di VQM è quella di filtrare il Contemporaneo in una miscela reazionaria e innovativa. Lo scopo è quello di rinchiudere il Presente in tempi e luoghi estranei. Il fine è quello di scavare nell’assurda attualità per scoprire la sua logica nascosta. VQM concentra la sua ricerca sul ruolo dell’attore e sulla sua funzione vitale all’interno del contesto teatrale. L’attore pensante, che scrive per la scena, la dirige e infine la abita. (com.)

 

Teatro dell’Orologio, Via dei Filippini 17/A – 00186 Roma

La prenotazione è vivamente consigliata: 06 6875550 biglietteria@teatroorologio.com

 

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
24227 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014