torna su
13/08/2020
13/08/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Teatro India, focus su Jon Fosse con un Trittico

Dal 23 febbraio all'1 marzo, in scena Suzannah, Io sono il Vento e Inverno

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 23/02/2015 ore 16:29
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 19:37)

 

Il Teatro India, location straordinaria per la sua collocazione sulle rive del fiume Tevere all’ombra del gazometro, e il suo passato industriale che condiziona ancora l’atmosfera con una sospensione del tempo, reale, ospita dal 23 febbraio all’1 marzo il lavoro di uno dei più grandi autori contemporanei. Si intitola Trittico Jon Fosse il focus sulla drammaturgia del celebre autore norvegese che scorre attraverso tre testi: ‘Suzannah’, ‘Io sono il Vento’ e ‘Inverno’, le cui regie sono affidate a tre giovani registi italiani, rispettivamente Thea Dellavalle, Alessandro Greco e Vincenzo Manna.

Si comincia il 23 e il 24 febbraio (ore 21) con ‘Suzannah’. Tre donne amano lo stesso uomo, ma non un uomo comune, bensì il drammaturgo norvegese Henrik Ibsen. Le donne che lo aspettano e ne parlano per consumare l’attesa sono in realtà una sola donna: sua moglie Suzannah Thoresen. È proprio attraverso gli occhi della donna, in tre prospettive temporali, si tratteggia il ritratto dell’uomo e contemporaneamente si delinea il percorso del rapporto di coppia.

‘Io sono il Vento’, il secondo dei tre testi, va in scena il 25 e il 26 febbraio (ore 21). Racconta la storia di due uomini su una barca. Al pubblico il compito di decidere i rapporti che li legano, le loro scelte, le loro intenzioni. Il dialogo interiore sulla vita e sulla morte, ma anche sulla libertà, la memoria e il controllo, parla alle identità di tutti.

Ultima tappa del focus sulla drammaturgia di Jon Fosse è ‘Inverno’, in cartellone per il 27 e 28 febbraio (ore 21) e l’1 marzo (ore 17). In una gelida alba d’inverno, in un parco, una ragazza un po’ sbronza, forse drogata, seduta su una panchina e una donna in cappotto e tailleur, che passa veloce con la sua ventiquattrore, danno vita ad un inquietante passo a due, scandito da una partitura di gesti minimi e da frasi smozzicate, momenti di un incontro impossibile.

Accompagnano il Tittico due appuntamenti di approfondimento: lunedì 23 febbraio (ore 17) nella Sala Squarzina del Teatro Argentina incontro introduttivo al pubblico dal titolo ‘Jon Fosse. Paesaggio nordico con figure’, condotto da Antonio Audino; sabato 28 febbraio (ore 17) al Teatro India incontro-convegno ‘Jon Fosse. Luci e Ombre’, moderato da Rodolfo di Giammarco e Sergio Lo Gatto. Saranno presenti i tre registi del focus, Thea Dellavalle, Alessandro Greco e Vincenzo Manna, insieme con i registi Walter Malosti, Valerio Binasco e Gian Maria Cervo, che hanno già incontrato in scena le parole del drammaturgo norvegese.

Gli incontri, a cura di Teatro di Roma e ATCL, sono realizzati in collaborazione con la Reale Ambasciata di Norvegia.

 

 

 

Teatro India, Lungotevere Vittorio Gassman (già Lungotevere dei Papareschi), tel. 06.684.000.346 www.teatrodiroma.net

 

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23436 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014