torna su
25/11/2020
25/11/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Coppa Volpi a Valeria Golino

“Desde alla” di Lorenzo Vigas vince il Leone d'Oro

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 13/09/2015 ore 12:24
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 19:55)

La Coppa Volpi per la miglior interpretazione femminile è andata alla nostra Valeria Golino, protagonista assoluta del film di Giuseppe Gaudino “Per Amor Vostro”, pellicola girata in bianco e nero a Napoli dove la telecamera rimane fissa sulla protagonista Anna per l’intero film, rivelandone così la temperie interiore espressa dal regista attraverso improvvisi lampi di colore.

Valeria Golino abito rosso e capelli scioli è apparsa visibilmente commossa: “Dedico questo film al regista Giuseppe Gaudino, agli attori Adriano Giannini, Massimiliano Gallo, ai non udenti che mi hanno aiutato, ai produttori Riccardo Scamarcio e Paolo Del Brocco di Rai Cinema. E’ la seconda volta che prendo questo premio, la prima fu quasi 30 anni fa, ma è come fosse la prima, e spero e so che sarà sempre così”. Golino fu premiata con la Coppa Volpi nel 1986 per il film “Storia d’amore” di Francesco Maselli. 

La Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile è andata all’attore francesce Fabrice Luchini interprete de “L’Hermine” di Christian Vincent. Luchini recita nel ruolo di un giudice innamorato che reincontra la sua fiamma in tribunale.
“L’Hermine” ha preso anche il premio per la migliore sceneggiatura.

Fa la parte del Leone, è il caso di dirlo, la cinematografia dell’America Latina che porta a casa i due premi principali della 72esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia: rispettivamente il Leone d’Oro per il miglior film a “Desde alla’” di Lorenzo Vigas e il Leone d’Argento per la miglior regia a Pablo Trapero per “El Clan”. Del resto, la Giuria di Venezia 72 era presieduta dal regista messicano, Alfonso Cuaron.

Commosso il regista venezuelano Vigas ha voluto dedicare il Leone d’Oro “al Venezuela, che è un grande paese nel quale bisogna imparare a parlarsi un pò di più”. Non lascerà indifferenti la trama del film, protagonista un uomo che guarda le sue prede da lontano, non riesce a comunicare emotivamente anche se un giovane farà breccia nel suo cuore.

Altra tematica per “El Clan” del brasiliano Trapero, storia ambientata nell’Argentina degli anni ’80, dove un boss della malavita pianifica rapimenti e omicidi. (a.b.)

 foto: Corrado Corradi

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
24227 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014