torna su
23/10/2020
23/10/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Dal Trecento ai Beatles, il canto degli uccelli e la musica

Kammerton e L'Archipiano con “Alata genia che adoro”

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 1/03/2016 ore 11:08
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 20:16)

Il canto degli uccelli ha sempre affascinato gli umani. Innumerevoli canzoni popolari e tanti grandi compositori hanno preso spunto dal canto di questi abitatori del cielo, che volano liberi dal peso che lega gli uomini alla terra. Il vocal ensemble Kammerton e il gruppo strumentale L’Archipiano dedicano a loro il concerto (o piuttosto è uno spettacolo musicale?) di mercoledì 2 marzo alle 18.00 nell’Auditorium “Ennio Morricone” dell’Università di Roma “Tor Vergata” (Macroarea di Lettere e Filosofia, via Columbia 1) per la stagione di concerti di Roma Sinfonietta.

Il Kammerton, votato nella sua ormai quasi trentennale attività all’esplorazione delle possibilità della voce umana, ha varato un progetto che riunisce alcuni degli infiniti omaggi dei compositori al canto arcano della “Alata genìa che adoro”.

Degne di meraviglia sono anche le tante allusioni al gorgheggio dei pennuti ottenute con gli strumenti musicali, quindi ecco che il gruppo strumentale L’Archipiano interagisce con le voci e si mescola con loro.

Il programma del concerto accosta musiche di epoche e stili diversissimi, che però non stridono affatto tra loro, perché sono accumunate dalla stessa incantata ammirazione per il canto degli uccelli.

Dal Trecento dell’Useletto selvaggio di Jacopo da Bologna si passa al Cinquecento, rappresentato dal Grillo è bon cantore (non propriamente un uccello, ma pur sempre un animaletto capace di volare, o quasi) di Josquin Des Pres, dal Contrapunto bestiale di Adriano Banchieri e da Les chants des oiseaux di Clément Janequin, quasi un catalogo di uccelli e dei loro cinguettii, che fu ammiratissimo e costituì sicuramente un esempio per innumerevoli musicisti presi nei secoli successivi da simile passione ornitologica. Non è così lungo come potrebbe sembrare il passo per arrivare da Janequin al Novecento di Trois beaux oiseaux di Maurice Ravel, de La Gallina di Ottorino Respighi, di Le réveil des oiseaux di Olivier Messiaen.

A questi grandi compositori del filone classico si affiancano i due mitici Beatles John Lennon e Paul McCartney con Blackbird. E tanti altri, come l’argentino Carlos Guastavino, scomparso pochi anni fa ma immerso ancora in un mondo musicale romantico, tanto da essere definito “lo Schubert delle pampas”. E inoltre un musicista come Fabrizio Cardosa, indaffaratissimo in cento diversi campi, dalla musica antica al cinema e al musical: è suo Alata genia che adoro, il brano che apre il concerto e gli dà il titolo.

 

Biglietti: E. 10,00 Ridotti E. 8,00 Studenti E. 4,00

Acquistabili anche all’auditorium “E. Morricone” da mezz’ora prima del concerto

 

www.romasinfonietta.com

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23950 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014