torna su
20/10/2020
20/10/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Il cuore e la piuma. Domenica concerto dedicato a Sinopoli

Domenica 17 aprile, Sala Casella

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 13/04/2016 ore 15:11
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 20:21)

A quindici anni dalla scomparsa l’Accademia Filarmonica Romana omaggia Giuseppe Sinopoli (Venezia, 2 novembre 1946 – Berlino, 20 aprile 2001) con un concerto alla Sala Casella domenica 17 aprile (ore 18, via Flaminia 118) dal titolo “Il cuore e la piuma”.

 

Il concerto è affidato ad alcuni dei musicisti che hanno fatto parte del complesso, voluto da Sinopoli, dei Solisti della Filarmonica, come la moglie di Giuseppe, la pianista Silvia Cappellini SinopoliAndrea Corsi oggi primo fagotto dell’Orchestra Nazionale della Rai di Torino, cui si aggiungono il flautista Bruno Lombardi e il giovane clarinettista Luca Cipriano. Programma vario, che si apre con il Trio per flauto, fagotto e pianoforte di Beethoven, accoglie un pezzo dello stesso Sinopoli, la Sonata per pianoforte, prosegue con i Quattro pezzi per clarinetto e pianoforte di Alban Berg, e si conclude con il Trio Pathétique di Glinka. Nel programma si guarda anche al futuro, con la prima esecuzione assoluta delQuartetto per pianoforte, flauto, clarinetto e fagotto di Marco Sinopoli, figlio di Giuseppe, compositore trentunenne agli inizi di un percorso che tutti gli auguriamo quanto mai luminoso. “Nel Quartetto per legni e pianoforte – così Marco Sinopoli introduce il suo nuovo lavoro –  non ho adottato un principio rigoroso della strutturazione compositiva, ma ho utilizzato un approccio istintivo e marcatamente ritmico, pur utilizzando diversi parametri di relazione intervallare complessa, conferendo, ad un linguaggio scorrevole e cantabile, un senso di contemporaneità e allo stesso tempo di rievocazione quasi impressionistica. La composizione è divisa in cinque parti in cui si alternano momenti di convulsione ritmica, dal carattere selvatico e a tratti sibillino, a stati di lenta e suggestiva introspezione. Il linguaggio utilizzato attinge da elementi ritmici, armonici e di fraseggio velatamente jazzistici; dall’estetica di alcuni compositori contemporanei d’oltreoceano e da autori quali Messiaen e Schnittke”.

 

Il titolo del concerto, Il cuore e la piuma, prende spunto dal rito funerario egizio che Sinopoli conosceva in quanto grande appassionato di archeologia (laureando all’Università La Sapienza di Roma avrebbe dovuto sostenere la tesi pochi giorni dopo la sua improvvisa scomparsa; gli è stata poi riconosciuta la laurea in Archeologia “post mortem”). Il passaggio al regno di Osiride, divinità egizia dell’oltretomba, doveva essere preceduto da una operazione rituale, conosciuta come il giudizio dell’anima: il cuore del defunto veniva posto sul piatto di una bilancia dove era pesata. Se il cuore era leggero come la piuma di Maat (l’ordine cosmico), posta sull’altro piatto, Anubi, il guardiano degli inferi, lasciava il defunto nelle mani di Osiride, altrimenti il cuore era dato in pasto al coccodrillo Ammit. Una immagine molto sentita e cara a Sinopoli, antica sì ma per lui anche molto attuale, tanto che una volta ebbe a commentare, prendendo spunto proprio da questo rito: “Il cuore degli uomini oggi è un po’ pietrificato”.

 

Rifiutare la frammentazione del sapere, opporsi al primato della tecnica come conoscenza separata dal pensare e dal farsi della storia, in difesa della fiducia nell’unità del pensiero. Questo il lascito, che merita riconoscenza, di un direttore d’orchestra e compositore capace di interrogarsi sul senso e l’utilità della propria professione. Con i suoi numerosi concerti, con il contributo dato alla nascita dei Solisti della Accademia Filarmonica Romana, con gli incontri attraverso i quali sapeva coinvolgere direttamente il pubblico e gli interventi nella vita musicale della città di Roma, Giuseppe Sinopoli istaurò un intenso rapporto con Roma e con la Filarmonica, di cui fu Accademico e che per questo lo ricorda a quindici anni dalla sua improvvisa e prematura scomparsa.

Biglietti: posto unico 10 euro più diritto di prevendita.

Info: tel. 06-3201752, email promozione@filarmonicaromana.org

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23924 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014