torna su
17/11/2019
17/11/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Un Natale al Sud presentato dal cast e dal regista

Il primo dei “cinepanettoni” è già in sala. Massimo Boldi, Anna Tatangelo, Paolo Conticini e gli altri protagonisti parlano del film

Avatar
di Chiara Laganà | 2016-12-2 2/12/2016 ore 14:06

Un Natale al Sud è al cinema dal 1° dicembre, il primo dei “cinepanettoni” vede l’esordio al cinema di Anna Tatangelo. Con lei Massimo Boldi, Enzo Salvi, Paolo Conticini, Barbara Tabita, Paola Caruso, Loredana de Nardis e Bonaria Decorato. Tutto il cast, arricchito da tre YouTuber, Simone Paciello, Riccardo Dose, Giulia Penna, e dall’attrice Ludovica Bizzaglia.

Il film è stato presentato a Roma dal cast e dal regista Federico Marsicano.
Parla per primo Massimo Boldi, l’attore precisa che Un Natale al Sud non è un cinepanettone. Anna Tatangelo fa “coppia” nel film con Paolo Conticini che per il suo personaggio si è ispirato a Gianluca Vacchi.

Barbara Tabita interpreta, invece, Celeste, la moglie di Biagio Izzo. Assente Debora Villa, che interpreta la moglie di Massimo Boldi, fra le donne del cast anche Loredana De Nardis, netturbina dell’Ama innamorata di Enzo Salvi.

Dirige l’esordiente Federico Marsicano: “Abbiamo cercato di rinnovare e trasformare questo tipo di film, grazie a Massimo. Un film comico-sentimentale, come l’ha definito lui, ho cercato di parlare di tematiche attuali”. Anche grazie agli YouTuber e ai giovani protagonisti “Nel film sono se stessi, rappresentare il loro mondo è far vedere chi sono”.

Nel film ci sono delle risate per le scene soprattutto di Enzo Salvi, il suo personaggio per quasi tutta la durata del film, ha problemi intestinali: “È il 12esimo film di Natale, è una grande emozione, è nata una grande alchimia con Federico, mi auguro di aver concesso un momento di evasione agli italiani”.

Protagonisti anche tre YouTuber. Non è la prima volta che si fa cinema con le star di YouTube, come Game Therapy, “un flop” per Simone Paciello, in arte Awed: “Uno YouTuber non può fare un attore, impersonificando qualcuno che non è, dobbiamo essere noi stessi. Federico ci ha messo a nostro agio, ci ha dato la possibilità di usare il nostro linguaggio”.

Nel cast di Un Natale al Sud anche Riccardo Dose, in arte Smegma: “Sono tre anni che pubblico contenuti online, il set è un’esperienza che non mi aspettavo, mi sono emozionato, spero non sia l’ultima”.

Ludovica Bizzari, invece, è un’attrice: “Da ragazza di 20 anni, non ho mai seguito molto il Web, conoscendo Giulia, Riccardo e Simone ho capito quanto è potente ed è importante non generalizzare”.

Esordio per la “Bonas” (sigh) di Avanti un Altro, Paola Caruso: “È la prima volta che recito, Federico mi ha messo a mio agio, la prima scena è stata quella dello spogliarello”. Per Bonaria Decorato, invece, esordio con “il salto” su Biagio Izzo.

Da Vacanze di Natale del 1983, sono passati quasi 40 anni dal primo cinepanettone: “In 40 anni è cambiato tutto, negli anni ’80 c’era un sistema di vita che era completamente diverso. È cambiato qualcosa, ma non in comicità”.

I film spesso sono accusati di essere sboccati e Boldi ammette che si è cercato di “renderli meno volgari e più divertenti”. A dieci anni dalla separazione con la De Laurentis Production e Christian De Sica, l’attore ha “continuato a proporre film diversi dai cinepanettoni”. “Anche se mi dicono di fare un film drammatico, ne feci uno con Pupi Avati e morivo. Anche nei Due Carabinieri”, ricorda Boldi.

L’emozione che ha provato Anna Tatangelo sul set è diversa da quella di Sanremo: “Quel palcoscenico spaventa, è arrivato quando avevo 15 anni, per me è l’emozione più grande. A gennaio ne faccio 30, l’unica cosa che mi accomuna a quella ragazza è l’incoscienza. Nel film ho tirato la parte più ironica di me”.

Anna Tatangelo ha affermato che per lo spogliarello in Un Natale al Sud si è ispirata a Sophia Loren, un’icona per la cantante:  “Ora la guardo con occhi diversi, spero di imparare un po’ da lei”.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
748 articoli

Giornalista, Truffaut mi ha fatto innamorare del cinema. Scrivo anche di TV, arte, serie TV, disabilità e musica

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014