torna su
17/11/2019
17/11/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Malattia Crohn, per raccontarla un corto nei cinema del Lazio

Un cortometraggio realizzato dal trio comico romano The Pills, con ironia e un pizzico di irriverenza raggiungerà fino al 30 aprile le sale cinematografiche

Avatar
di Redazione | 2019-03-30 30/03/2019 ore 13:00

Dolori addominali, perdita di peso, diarrea, fatica, mancanza di appetito o febbre: si manifesta così la malattia di Crohn, una patologia infiammatoria cronica intestinale che colpisce circa 100mila persone in Italia , 5500 nel Lazio.

La quotidianità di chi convive con questa patologia può essere difficile: chi ne è colpito presenta spesso anche segni di depressione, stress, inquietudine e ansia. L’agenda giornaliera viene stravolta in attesa delle manifestazioni, in molti casi non prevedibili, della malattia, come racconta una nuova campagna lanciata nel Lazio e che con un cortometraggio realizzato dal trio comico romano The Pills, con ironia e un pizzico di irriverenza raggiungerà fino al 30 aprile le sale cinematografiche.

La campagna, “Aspettando Crohn. L’Agenda Impossibile” è patrocinata dall’associazione pazienti Amici e dall’ IG-IBD (Italian Group for the study of Inflammatory Bowel Diseases), e promossa da Janssen Italia.

“La diagnosi di questa malattia – evidenzia Alessandro Armuzzi, Segretario IG-IBD – avviene per lo più in età giovanile, tra i 20 e i 30 anni. La variabilità nelle manifestazioni porta spesso a ritardi nella diagnosi, con conseguenti complicanze nel decorso della malattia, che, se non trattata correttamente, può portare a invalidità e, frequentemente, a interventi chirurgici”.

“È percepita come imbarazzante – sottolinea Stefania Canarecci, Presidente Amici Lazio – di cui non si parla e per la quale i malati soffrono in silenzio. È importante che ci siano iniziative che la facciano conoscere”. Uno studio ha anche stimato che il costo per persona legato alla patologia, per Sistema Paese, è di oltre 15.000 euro all’anno, mentre ciascun paziente del Lazio spende di tasca propria in media 674,59 euro all’anno. I costi indiretti portano a una spesa di 2.266,54 euro. La ricerca si muove. “Oggi la nostra pipeline – conclude Massimo Scaccabarozzi, Presidente e Ad di Janssen Italia – in immunologia comprende numerose e promettenti molecole innovative, molte per indicazioni difficili da trattare”.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
21551 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014