Categorie: Cinema e Spettacolo

Alessandro Preziosi è Vincent Van Gogh

Dal 26 novembre al 1° dicembre Teatro Vascello con "Vincent Van Gogh L’odore assordante del bianco" Alessandro Preziosi veste i panni del grande artista

Le austere e slavate pareti di una stanza del manicomio di Saint Paul.

Come può vivere un grande pittore in un luogo dove non c’è altro colore che il bianco?

È il 1889 e l’unico desiderio di Vincent è uscire da quelle mura, la sua prima speranza è riposta nell’inaspettata visita del fratello Theo che ha dovuto prendere quattro treni e persino un carretto per andarlo a trovare.

Attraverso l’imprevedibile metafora del temporaneo isolamento di Vincent Van Gogh in manicomio, interpretato da Alessandro Preziosi, lo spettacolo è una sorta di thriller psicologico attorno al tema della creatività artistica che lascia lo spettatore con il fiato sospeso dall’inizio alla fine. Il testo vincitore del Premio Tondelli a Riccione Teatro 2005 per la “…scrittura limpida, tesa, di rara immediatezza drammatica, capace di restituire il tormento dei personaggi con feroce immediatezza espressiva” (dalla motivazione della Giuria n.d.r.) firmato da Stefano Massini con la sua drammaturgia asciutta ma ricca di spunti poetici, offre considerevoli opportunità di riflessione sul rapporto tra le arti e sul ruolo dell’artista nella società contemporanea. Sospensione, labilità, confine.

La scrittura di Massini, nella sua galoppante tensione narrativa, offre la possibilità di una vera e propria indagine in quei luoghi, accidentati e mobili, soggetti interni di difficile identificazione, collocati nel complesso meccanismo della mente umana.

Il serrato dialogo, sottinteso, tra Van Gogh e suo fratello Theo, propone non soltanto un oggettivo grandangolo sulla vicenda umana dell’artista, ma piuttosto ne rivela uno stadio sommerso. “Van Gogh – sottolinea Alessandro Preziosi – assoggettato e fortuitamente piegato dalla sua stessa dinamica cerebrale si lascia vivere già presente al suo disturbo. È nella stanza di un manicomio che ci appare. Nella devastante neutralità di un vuoto”. E dunque, è nel dato di fatto che si rivela e si indaga la sua disperazione. Il suo ragionato tentativo di sfuggire all’immutabilità del tempo, all’assenza di colore alla quale è costretto, a quello strepito perenne di cui è vittima cosciente, all’interno come all’esterno del granitico “castello bianco” e soprattutto al costante dubbio sull’esatta collocazione e consistenza della realtà.

 

S

Stampa
Condividi
Pubblicato da Redazione

Articoli recenti

Scuola, l’allarme dei presidi: Tutto fermo a Roma, risorse insufficienti

"Siamo in alto mare, i miei colleghi non riescono a parlare con i municipi di riferimento"

39 minuti fa

Roma, sciopero trasporto pubblico: chiusa la Metro C

E riduzioni di corse in superficie

1 ora fa

Coronavirus: contagi ritorno spaventano Italia, “stop” a 13 paesi

Il ministro della Salute Roberto Speranza:"Non possiamo vanificare i sacrifici fatti dagli italiani in questi mesi"

2 ore fa

Gdf Roma confisca beni per quasi 4 mln a imprenditore

Tre immobili in provincia di Rieti, l'intero compendio aziendale di 3 società, un'imbarcazione di 24 metri e somme depositate su…

2 ore fa

Coronavirus: 5 positivi su volo Qatar. Bengalese positivo fermato a Termini

E' stato denunciato. 28 nuovi casi nel Lazio di cui 22 di 'importazione

18 ore fa

Antitrust da’ ragione a cinema America, misure cautelari contro boicottaggio arene gratuite

"Per impedire l'attuazione di un'intesa di boicottaggio tra l'ANICA, l'ANEC e l'ANEC Lazio"

18 ore fa

Voleva impossessarsi del patrimonio di Gina Lollobrigida, rinviato a giudizio

Il processo è stato fissato per il prossimo primo dicembre davanti al tribunale monocratico

19 ore fa

Uccelli decapitati su spiaggia Ostia,Raggi: non ci fermiamo

Sabella: atto dal sapore intimidatorio

20 ore fa

Raggi, campo rom Castel Romano chiuso entro fine anno

Sopralluogo del sindaco. Nei giorni scorsi il Campidoglio ha comunicato ai residenti della zona F che entro il 10 settembre…

20 ore fa

Questo sito utilizza cookie.