19 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Amparo Sard, dalle Baleari alla Sala Enel di via Nizza

La mostra 'Limits' dell'artista spagnola apre al pubblico del Macro il 14 marzo

 

Un artista di Palma de Mallorca e una gallerista di Salerno, insieme nel cuore di via Nizza. Nella sala Enel del Macro inaugura venerdì 13 marzo, prima di aprire al pubblico il giorno seguente, la mostra ‘Limits’ dell’artista spagnola Amparo Sard, a cura di Lea Mattarella. Il percorso di opere su carta perforata, sculture, video, è un progetto site specific per il Museo dell’Arte Contemporanea Roma. L’esposizione, promossa da Roma Capitale, è sostenuta dal Governo delle Isole Baleari con l’Istituto di Studi Balearici in collaborazione con la Galleria Paola Verrengia di Salerno.

Per chi non conosce ancora Amparo Sard, ecco qualche nota. E’ tra le artiste spagnole più note. La sua ricerca artistica è incentrata sul tema dell’identità che affronta utilizzando mezzi diversi, dal disegno alla fotografia, l’installazione, il video e di recente anche con la scultura. Le sue opere si trovano in importanti collezioni pubbliche e private e sono state acquistate da importanti musei come il MOMA e il Guggenheim di New York, il Casal Solleric di Palma de Mallorca, il Museo ABC di Madrid. Il suo arrivo a Roma è preceduto da una sua domanda: “In matematica i limiti servono per capire quale strada sta prendendo una tendenza in modo da prevedere cosa accadrà. Non danno un risultato, ma un orientamento. Che cosa accadrebbe se applicassimo quei calcoli matematici alla nostra vita, se riuscissimo a calcolare i limiti tra il desiderio e l’istinto?”. La risposta sta a noi cercarla, anche tra le pieghe della mostra ‘Limits’ che riflette sui confini dell’essere umano in continuo mutamento attraverso tre momenti: i disegni realizzati con gli spilli e le grandi opere su carta, i quattro video, la grande scultura in fibra di vetro che dà il titolo alla mostra. (r.p.)

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014