Atac: Aduc, all'azienda serve un miracolo

Problemi ai treni e debito da 1,3 mld

“Non c’e pace per l’Atac, l’azienda dei trasporti pubblica romana. Ancora una volta il treno Roma-Ostia e’ andato in tilt. Pochi giorni fa era successa la stessa cosa e i passeggeri sono scesi proseguendo a piedi fino alla stazione. Treni vecchi, impianti vetusti, disservizi continui ma il prezzo e’ il medesimo. L’eta’ media degli autobus e’ di 9 anni, la gara per l’acquisto di 700 nuovi autobus e’ andata deserta. L’Atac ha accumulato un debito di 1,3 miliardi di euro, quest’anno il  buco e’ di 60 milioni. Che fare? Per risanare l’azienda l’assessore ai Trasporti, Stefano Esposito, dovrebbe organizzare un viaggio  a Lourdes supplicando un miracolo, oppure, semplicemente, portare i libri in tribunale, dichiarando il fallimento. Dopodiche’ fare la cosa piu’ normale di questo mondo: indire una gara europea per il trasporto pubblico nella Citta’ Eterna”. E’ quanto dichiara in una nota Primo Mastrantoni, segretario Aduc, riguardo alla situazione in cui versa l’Atac. (gc)

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna