Colosseo: Franceschini inaugura riproduzione montacarichi belve

Nei sotterranei una delle 28 macchine in grado di sollevare felini e lupi

Ora i visitatori del Colosseo potranno godere di una nuova attrazione: il ‘montacarichi delle belve’, una fedele ricostruzione, per forme e dimensioni, del modello originale in uso da Domiziano. A presentare la nuova struttura, finanziata dalla societa’ di produzioni americana, Providence Picture, c’era ieri il ministro della Cultura, Dario Franceschini e il soprintendente al Colosseo, Francesco Prosperetti. “Il Colosseo – ha detto Franceschini – nella sua grandiosita’ e’ il simbolo non solo di Roma ma anche dell’Italia nel mondo. Questo richiede un sovrappiù di responsabilità nel lavoro di tutela, per rendere comprensibile e fruibile questo monumento. Oggi inauguriamo la riproduzione di questo bellissimo montacarichi con cui le belve salivano sull’arena, aiutera’ a capire la bellezza straordinaria di questo luogo. Il Colosseo e’ un luogo meraviglioso e le nuove tecnologie ci possono aiutare a valorizzarlo senza interventi invasivi”. Torna, quindi, nei sotterranei dell’anfiteatro una delle 28 macchine, invisibili al pubblico, che all’epoca dell’imperatore romano Domiziano erano in grado di sollevare per circa 8 metri di altezza simultaneamente decine di belve sull’arena, tra felini, orsi, lupi, struzzi e cervi. A far muovere la struttura, allora come oggi, la forza motrice di 8 uomini schierati su due piani, più 3 manovratori posizionati sul piano superiore. Il progetto di archeologia sperimentale, nato nel giugno del 2013, e’ stato realizzato in 15 mesi. (foto e fonte Omniroma) (gc)

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna