Confcommercio Roma, imprese vogliono di più. Marino avvisato

Il 57,3% auspica nuove elezioni e nuova amministrazione

C’è scontento tra le imprese romane. Secondo il 70,7% delle imprese del terziario della Capitale l’amministrazione Marino non ha svolto al meglio le sue funzioni organizzative per il prossimo Giubileo. E’ quanto emerge dalla ricerca “L’orizzonte della città di Roma – le proposte delle imprese del terziario”, condotta dalla Confcommercio di Roma, e presentata questa mattina. Le imprese  chiedono interventi su burocrazia, sicurezza, immagine e vivibilità della città, su turismo, cultura e trasporto pubblico. Ma subito subito, già nel corso del 2015. Per “la buona riuscita” dell’Anno Santo, quasi la totalità delle imprese intervistate pensa che l’amministrazione dovrebbe intervenire sul trasporto pubblico (99,8%), sugli aspetti relativi a sicurezza e controlli (96,9%) o la gestione del traffico (94,1%). Tra le altre azioni necessarie, la manutenzione delle strade (fondamentale per il 77%), il potenziamento delle infrastrutture (65,7%) e i parcheggi (59%). Il giudizio negativo, insomma, investe Marino: per il 55,2% delle imprese del territorio di Roma, il sindaco avrebbe dovuto dimettersi subito dopo le vicende di Mafia Capitale. L’attuale amministrazione di Roma non è un soggetto “idoneo a realizzare gli interventi di cui la città a bisogno”, spiegano gli intervistati (il 57,3% di loro, infatti, auspica nuove elezioni, e quindi una nuova amministrazione). (gc) (con fonte Omniroma)

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna