23 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Expo 2015: Maroni, sistema dei controlli funziona

(ASCA) – Milano, 12 mag 2015 – ”Queste cose si potevano scoprire solo tramite le intercettazioni, perche’ le commissioni e i comitati controllano la regolarita’ nelle procedure degli appalti, ma se poi un personaggio si mette di nascosto a trattare qualcosa facendo appalti formalmente regolari e’ chiaro che e’ solo la magistratura che puo’ intervenire. […]

(ASCA) – Milano, 12 mag 2015 – ”Queste cose si potevano scoprire solo tramite le intercettazioni, perche’ le commissioni e i comitati controllano la regolarita’ nelle procedure degli appalti, ma se poi un personaggio si mette di nascosto a trattare qualcosa facendo appalti formalmente regolari e’ chiaro che e’ solo la magistratura che puo’ intervenire. Ma questo e’ un dato positivo perche’ significa che il sistema dei controlli nel suo complesso funziona, che funzionano le commissioni che operano per evitare infiltrazioni mafiose e che funziona la magistratura che ha scoperto questo personaggio che intrallazzava con altri personaggi reduci del passato”. Ne e’ convinto il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, che lo ha sottolineato intervenendo questa mattina ‘Mattino 5- La Telefonata’. ”Questa brutta vicenda getta un’ombra sull’Expo ma bisogna chiarire – ha aggiunto il governatore lombardo – perche’ ci sono tantissimi appalti che sono stati fatti in modo regolare e c’e’ un gruppo investigativo presso la Prefettura di Milano che lavora per controllare e per evitare che non ci siano delle infiltrazioni mafiose che infatti non ci sono state. Qui invece si tratta del vice commissario per Expo – e ricordo che Expo e’ nelle mani del commissario di Governo – che si intratteneva di nascosto con degli squallidi personaggi per cercare di dare loro dei vantaggi”. com-fcz cam ss

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014