13 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Expo 2015: Milano, scatta il count-down. Grande festa sotto la Tower

(ASCA) – Milano, 30 apr 2014 – Mancano 365 giorni all’Expo e Milano festeggia in pompa magna l’avvio del countdown per l’Esposizione Universale che aprira’ ufficialmente ai visitatori il primo maggio del 2015. L’evento si svolge in piazza Gae Aulenti, proprio sotto il grattacielo piu’ alto d’Italia, e viene trasmesso in diretta da Rai 1. […]

(ASCA) – Milano, 30 apr 2014 – Mancano 365 giorni all’Expo e Milano festeggia in pompa magna l’avvio del countdown per l’Esposizione Universale che aprira’ ufficialmente ai visitatori il primo maggio del 2015. L’evento si svolge in piazza Gae Aulenti, proprio sotto il grattacielo piu’ alto d’Italia, e viene trasmesso in diretta da Rai 1. E’ Antonella Clerici a condurre la serata che vede alternarsi, sul palco allestito ai piedi dell’Unicredit Tower, non solo protagonisti dell’Expo, ma anche volti dello spettacolo (come Enrico Bertolino) della cucina (lo chef Davide Oldani) e del sociale (don Gino Rigoldi). L’ospite d’eccezione e’ il tenore Andrea Bocelli che, accompagnato dall’Orchestra Rai, eseguira’ in anteprima assoluta l’inno ufficiale dell’Expo 2015 (le parole sono dello stesso Bocelli mentre la musica e’ firmata da Andrea Morricone). Manca, invece, il premier Matteo Renzi. E’ il Ministro Maurizio Martina a rappresentare il governo. Presente a sorpresa Letizia Moratti, sindaco nel 2008 quando Milano conquisto’ l’Esposizione Universale strappandola alla turca Smirne. ”L’Expo di Milano sara’ il piu’ grande ristorante del mondo”, sottolinea il commissario unico Giuseppe Sala, convinto che la sfida dell’ultimo anno sara’ quella ”spostare l’attenzione sul vero senso dell’evento e sulla nutrizione, coniugando gli aspetti sociali, cioe’ dare da mangiare a chi soffre la fame, e il piacere della buona tavola”. La priorita’ resta comunque di scongiurare il rischio ritardi e opere incompiute: ”Ora c’e’ da correre. I lavori sono la nostra preoccupazione principale”. Dello stesso avviso il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, che manifesta ottimismo: ”Milano – assicura – e’ prontissima. Ce la faremo. Chiaramente dobbiamo correre”. Nessuna preoccupazione, insomma, per possibili ritardi: ”A Shangai a 4 mesi dall’Expo erano in una situazione peggiore di quella di Milano”. Sara’ un successo anche per il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi: ” Abbiamo accumulato ritardi, ma sono convinto che con il genio italico di sapremo recuperare i tempi e alla fine ne verremo fuori alla grande. L’Expo sara’ una grande vetrina per l’Italia perche’ e’ il primo grande evento del post-crisi”. Preoccupato, invece, il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, che sollecita il governo a ”mantenere fede agli impegni presi” e chiama direttamente in causa il premier Matteo Renzi: ”Finora zero risposte e zero attenzione. Mi spiace molto perche’ il suo predecessore era molto piu’ attento su Expo, lui invece mi sembra distratto e questo e’ un problema serio perche’ rischia di non farci arrivare in tempo per l’apertura di Expo”. fcz mau

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014