16 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Expo 2015: Nencini, riformeremo codice appalti

(ASCA) – Roma, 13 mag 2014 – ”Riformeremo il codice degli appalti, c’e’ bisogno di una radicale e rapida revisione della normativa vigente. I fatti che hanno coinvolto Expo ne confermano la straordinaria urgenza”. Lo ha detto il vice ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Riccardo Nencini, che ha convocato per domani, presso il Ministero […]

(ASCA) – Roma, 13 mag 2014 – ”Riformeremo il codice degli appalti, c’e’ bisogno di una radicale e rapida revisione della normativa vigente. I fatti che hanno coinvolto Expo ne confermano la straordinaria urgenza”. Lo ha detto il vice ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Riccardo Nencini, che ha convocato per domani, presso il Ministero dei Trasporti, il tavolo tecnico per la redazione del nuovo Codice dei contratti pubblici, destinato a sostituire l’attuale Codice come preannunciato dal presidente del Consiglio Matteo Renzi. La decisione deriva dalla recente approvazione da parte dell’Unione europea di tre nuove direttive: due per appalti pubblici nei settori ordinari e speciali, che abrogano le corrispondenti direttive del 2014 e la terza per le concessioni. ”A livello europeo – aggiunge Nencini – sono state applicate modifiche e innovazioni, l’Italia e’ in ritardo. La vigente normativa e’ eccessivamente lunga, dettagliata, di difficile interpretazione ed attuazione e scoraggia investimenti e concorrenza. La corruzione negli appalti pubblici – prosegue il vice ministro – e’ diffusissima e trova paradossale sostegno nelle normative attuali perche’ farraginose, consentendo facili aggiramenti. Stavolta anticiperemo l’Unione Europea”. ”Un testo completamente rivisto del Codice dei contratti pubblici, piu’ snello ed efficace tenendo conto delle migliori esperienze di altri Stati membri. Expo e’ una straordinaria opportunita’ di investimenti per l’Italia. Corruzione e malaffare – ha concluso Nencini – hanno vita breve”. com-sen mau

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014