14 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Expo 2015: Perez interrogato su gara 'piastra'. Presenti Bruti e Robledo

(ASCA) – Milano, 12 giu 2014 – Nuovo interrogatorio per Pierpaolo Perez, l’ex responsabile dell’Ufficio Gare di Infrastrutture Lombarde arrestato il 20 marzo scorso nel blitz che ha portato in carecere anche il dg della societa’, Antonio Rognoni, ed altre sei persone ritenute protagoniste di una serie di appalti truccati. L’interrogatorio davanti ai magistrati milanesi […]

(ASCA) – Milano, 12 giu 2014 – Nuovo interrogatorio per Pierpaolo Perez, l’ex responsabile dell’Ufficio Gare di Infrastrutture Lombarde arrestato il 20 marzo scorso nel blitz che ha portato in carecere anche il dg della societa’, Antonio Rognoni, ed altre sei persone ritenute protagoniste di una serie di appalti truccati. L’interrogatorio davanti ai magistrati milanesi titolari del filone di inchiesta sull’Expo 2015 e’ durato circa un’ora e mezza. Massimo riserbo sui contenuti: da quel poco che e’ filtrato, emerge che al centro del confronto ci sarebbe stato il maxi-appalto della piastra del sito espositivo Expo, una gara del valore di 149 milioni di euro vinto nel 2012 dall’impresa Mantovani, finita proprio in questi giorni al centro dello scandalo sul Mose di Venezia. Infine, una curiosita’: insieme ai pm Roberto Pellicano, Paolo Filippini e Giovanni Polizzi, ad ascoltare ‘la versione di Perez’ c’erano anche il procuratore capo di Milano, Edomondo Bruti Liberati (fatto inusuale per casi di questo genere) e il procuratore aggiunto Alfredo Robledo (il magistrato che coordina l’inchiesta su Infrastrutture Lombarde). Sono i due magistrati protagonisti dello scontro senza precedenti attualmente all’esame del Csm. L’interrogatorio di Perez, insomma, e’ stato capace di riunire nella stessa stanza, anche se per una manciata di minuti, due magistrati ormai divisi praticamente su tutto. fcz mar

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014