13 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Expo 2015: Squinzi, sara' grande. In vetrina ci sara' l'Italia

(ASCA) – Roma, 29 mag 2014 – ”Noi abbiamo ambizioni grandi sui mercati e per molti stranieri siamo un modello da imitare. La grande occasione per fare vetrina e sistema di tutto cio’ e’ a Milano e si chiama Expo”. Il Presidente di Confidustria, Giorgio Squinzi, ritorna sull’importanza dell’Expo 2015 e, nel suo intervento all’assemblea […]

(ASCA) – Roma, 29 mag 2014 – ”Noi abbiamo ambizioni grandi sui mercati e per molti stranieri siamo un modello da imitare. La grande occasione per fare vetrina e sistema di tutto cio’ e’ a Milano e si chiama Expo”. Il Presidente di Confidustria, Giorgio Squinzi, ritorna sull’importanza dell’Expo 2015 e, nel suo intervento all’assemblea annuale, spiega che ”tutto il mondo verra’ in casa nostra. Verra’ a Milano a ragionare di una delle questioni chiave di oggi e di domani: alimentarsi tutti e farlo in modo sano e sostenibile. Forse non c’e’ sfida culturale piu’ grande e bella per l’umanita’ e per il nostro Paese, patria di una tradizione alimentare che non ha eguali. Ma non verra’ a Milano solo per quello”. Secondo Squinzi tutto il mondo ”verra’ in Italia per capire cosa si puo’ fare con il nostro Paese e le nostre imprese, per toccare con mano la possibilita’ di investire, guardare da vicino come abbiamo fatto a costruire l’Italian style che tutti ci invidiano. La prima cosa che vedranno – aggiunge – sara’ l’Expo. Per molti che non ci conoscono questa non sara’ un’esposizione universale o una grande fiera della tecnologia: sara’ l’Italia”. Per questo – tiene a sottolineare Squinzi – ”qualsiasi macchia si faccia all’Expo non e’ grave, e’ imperdonabile perche’ la si fa a danno dell’intero Paese. Noi abbiamo messo nell’Expo il nostro lavoro, la nostra credibilita’, il nostro simbolo. Come noi tanti ci hanno creduto e danno il proprio contributo. Sono certo che tutto cio’ non sara’ tradito e che l’Expo sara’ grande”. glr sam

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014