Franceschini a Moretti: “Hai ragione, ma le cose sono cambiate”

Il regista da Cannes: "L'Italia non fa abbastanza per il cinema"

 

Al Festival di  Cannes Nanni Moretti è stato accolto sabato 16 maggio con dieci minuti di applausi, tributo alla premiere del suo film ‘Mia Madre’ con Margherita Buy. E il regista ne approfitta per togliersi qualche sassolino dalla scarpa. “L’Italia non fa abbastanza per il cinema” dichiara Moretti senza girarci troppo attorno, lui che a Cannes è arrivato quest’anno con altri due registi italiani in concorso, Sorrentino e Garrone.

Puntuale dal Mibact, una nota con la replica del ministro Dario Franceschini: “Ha ragione Nanni Moretti: in Italia ci sono stati anni e anni di disattenzione e di scarso interesse per il cinema italiano. Purtroppo so bene che è stato così per troppo tempo ma le cose ora sono cambiate e le azioni poste in essere in questo anno di governo hanno invertito questa tendenza:  io sono orgoglioso delle cose fatte per “il sistema cinema” e per aiutare i giovani talenti, così come sono orgoglioso di una presenza così importante del cinema italiano a questa edizione del Festival di Cannes e anche del fatto che tutti i film italiani presenti quest’anno abbiamo potuto utilizzare il vantaggio fiscale del tax credit e che i due film, dei tre in concorso, che l’hanno chiesto, abbiano ottenuto dallo Stato anche il contributo Fus”. Segue nel documento un riepilogo di quanto fatto quest’anno – tra l’altro Fus 2015, Tax Credit Produzioni Internazionali, Tax Credit Audiovisivo, Tax Credit Sale Storiche, per un totale di 15 punti – , con “un grande in bocca al lupo ai tre film italiani in gara”.

(r.p.)

 

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna