19 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Lombardia: consiglio approva proposta legge nazionale su ludopatia

(ASCA) – Milano, 16 apr 2014 – Via libera da parte del Consiglio regionale della Lombardia alla proposta di legge al Parlamento per il contrasto alla ludopatia e la razionalizzazione dei punti di rivendita di gioco pubblico. L’Aula – riferise una nota – dopo un dibattito di diverse ore che ha visto l’intervento dei rappresentanti […]

(ASCA) – Milano, 16 apr 2014 – Via libera da parte del Consiglio regionale della Lombardia alla proposta di legge al Parlamento per il contrasto alla ludopatia e la razionalizzazione dei punti di rivendita di gioco pubblico. L’Aula – riferise una nota – dopo un dibattito di diverse ore che ha visto l’intervento dei rappresentanti di tutti i gruppi, ha approvato con 59 voti favorevoli e 8 astenuti la proposta uscita la scorsa settimana dalla commissione Attivita’ produttive e che, nel campo del gioco d’azzardo, si aggiunge alla legge regionale in vigore approvata nei mesi scorsi e gia’ operativa. Nel dettaglio, il Movimento 5 Stelle si e’ astenuto ”perche’ il provvedimento prima di approdare all’Aula avrebbe dovuto passare al vaglio della commissione Antimafia”. La proposta di normativa nazionale introduce alcune novita’, tra cui l’obbligo per i gestori di esporre materiale informativo sulle patologie legate alla dipendenza da gioco elettronico. Vengono irrigidite le misure per vietare il gioco ai minori, a partire dall’accesso stesso alle sale. Ed e’ vietata la pubblicita’ in fasce orarie protette, sui mezzi pubblici, a meno di 500 metri dai luoghi sensibili e vengono vietati banner su applicazioni e siti Internet. La Proposta di legge chiede di inserire il ”Gap” nei Livelli essenziali di assistenza (Lea) e di istituire un Fondo per la prevenzione, cura e riabilitazione del gioco d’azzardo patologico. Sale anche il prelievo fiscale a carico dei concessionari ”non inferiore al 27 PERCENTO del monte complessivo delle entrate”. red-stt mpd

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014