19 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Lombardia: da corruzione a concussione, cambia accusa a Formigoni

Milano, 24 set 2014 – Cambia il capo di imputazione contestato a Roberto Formigoni nel procedimento sulla discarica di Cappella Cantone. L’accusa sollevata nei confronti dell’ex governatore lombarda passa da corruzione a ”concussione per induzione”. E l’intero procedimento sulla discarica del cremonese potrebbe traslocare a Bergamo per questioni di competenza territoriale. Sono questi i principali […]

Milano, 24 set 2014 – Cambia il capo di imputazione contestato a Roberto Formigoni nel procedimento sulla discarica di Cappella Cantone. L’accusa sollevata nei confronti dell’ex governatore lombarda passa da corruzione a ”concussione per induzione”. E l’intero procedimento sulla discarica del cremonese potrebbe traslocare a Bergamo per questioni di competenza territoriale. Sono questi i principali effetti della decisione del gup di Milano, Vincenzo Tutinelli, di ordinare ai pm Paolo Filippini e Antonio d’Alessio una nuova formulazione delle accuse contestate al ”Celeste” e altri imputati e una modifica della descrizione del fatto sulla base di quanto nel frattempo emerso dal quadro probatorio. Gli inquirenti accusano l’imprenditore Pierluca Locatelli di aver pagato piu’ di un milione di euro ai vertici della Compagnia delle Opere di Bergamo in cambio dell’autorizzazione del Pirellone per smaltire rifiuti speciali e amianto nella discarica di Cappella Cantone. Stando al nuovo campo di imputazione, Formigoni avrebbe concusso l’imprenditore Locatelli, che da corruttore diventa vittima perche’ costretto a ”plurime dazioni” di denaro pur di incassare l’autorizzazione integrata ambientale per Cappella Cantone. Inoltre, secondo la nuova formulazione del capo di imputazione, il reato non sarebbe stato commesso tra Milano e Bergamo, ma tra ”Bergamo e Calcinate (Bergamo)”. Risultato: ora i pm dovranno chiedere l’invio degli atti a Bergamo per competenza territoriale. La decisione del gup Tutinelli potrebbe arrivare gia’ nella prossima udienza in calendario per il 29 settembre. Duro il commento di Mario Brusa, avvocato di Formigoni: ”La riformulazione dell’imputazione e’ ridicola”, accusa il legale che aggiunge: ”I pm non indicano alcuna somma di denaro che sarebbe andata direttamente a Formigoni. E’ uno scenario abbastanza singolare”. fcz sam

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014