23 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Lombardia: Maroni, prosegue confronto su Libro bianco sanita'

(ASCA) – Milano, 21 lug 2014 – ”Stiamo mettendo mano a una grande riforma, che mantiene il principio di libera scelta, ma che vuole aggiornare il sistema lombardo alle nuove esigenze, introducendo alcune novita’, come il cambiamento di visione, che passera’ dal ‘curare’ a ‘prendersi cura”’. Lo ha detto – riferisce una nota – il […]

(ASCA) – Milano, 21 lug 2014 – ”Stiamo mettendo mano a una grande riforma, che mantiene il principio di libera scelta, ma che vuole aggiornare il sistema lombardo alle nuove esigenze, introducendo alcune novita’, come il cambiamento di visione, che passera’ dal ‘curare’ a ‘prendersi cura”’. Lo ha detto – riferisce una nota – il presidente della regione Lombardia, Roberto Maroni, oggi all’Istituto nazionale Tumori dove e’ proseguito l’ampio confronto, dove e’ proseguito il confronti sullo sviluppo del Sistema socio-sanitario lombardo, avviato il 4 luglio con la presentazione del ‘Libro Bianco’. Presenti all’incontro insieme a Maroni anche l’assessore alla Salute, Mario Mantovani, e l’assessore alla Famiglia, Solidarieta’ sociale e Volontariato Maria Cristina Cantu’, ha incontrato medici, ricercatori e operatori degli Irccs. Il Sistema socio-sanitario lombardo, ha sottolineato il capo della giunta lombarda, ”e’ gia’ un’eccellenza sotto il profilo della qualita’ delle prestazioni e del controllo della spesa, per questo parliamo di ‘sviluppo’ e non di ‘riforma’. Vogliamo migliorare ulteriormente il Sistema, adeguandolo alle esigenze del prossimo futuro, a partire dalla gestione delle cronicita’, cioe’ delle esigenze di chi ha bisogno di assistenza vicino a casa, sul territorio”. ”Qualcuno pensa che in Lombardia ci siano troppi Irccs – ha fatto notare Maroni – ma io non sono d’accordo. Ho sempre pensato che, dove c’e’ una struttura che serve, questa deve essere mantenuta, anche se costa. Bisogna riorganizzare il Sistema, mettendo le risorse dove serve. In questo siamo piuttosto ottimisti, perche’ il nuovo Piano sanitario nazionale ha aumentato le risorse e, soprattutto, ha confermato il principio dei costi standard, che per la Lombardia corrisponde a risorse aggiuntive, senza fare nulla, solo mostrando i nostri conti”. com-stt sam

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014