16 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Lombardia: mozione Ncd contro riforma Camere di commercio

(ASCA) – Milano, 14 lug 2014 – ”Una vera e propria entrata a gamba tesa quella del Governo sulle Camere di Commercio, un’ipotesi di Riforma che rischia unicamente di danneggiare il tessuto imprenditoriale italiano. Per questo chiediamo a tutti i parlamentari lombardi, a partire da quelli del Nuovo Centrodestra, di opporsi con forza a questa […]

(ASCA) – Milano, 14 lug 2014 – ”Una vera e propria entrata a gamba tesa quella del Governo sulle Camere di Commercio, un’ipotesi di Riforma che rischia unicamente di danneggiare il tessuto imprenditoriale italiano. Per questo chiediamo a tutti i parlamentari lombardi, a partire da quelli del Nuovo Centrodestra, di opporsi con forza a questa proposta”. Con queste parole il consigliere del Nuovo Centrodestra e vice-presidente della Commissione Attivita’ Produttive in Regione Lombardia, Carlo Malvezzi, ha motivato la decisione del Gruppo di depositare una mozione urgente sulla proposta di Riforma del Sistema Camerale presentata dal Governo nazionale. La mozione e’ stata sottoscritta anche dai capigruppo di Forza Italia, Maroni Presidente, Partito Democratico e Partito Pensionati. ”Siamo seriamente preoccupati – continua Malvezzi – dalle scelte che il Governo sta assumendo su questo tema. Dopo aver, infatti, presentato un decreto legge che dimezzava la quota di partecipazione delle imprese alle Camere di Commercio mettendo a repentaglio la loro stessa sopravvivenza, oggi, con la proposta di legge presentata venerdi’, chiedono il totale annullamento della quota, arrivando persino a centralizzare la gestione del Registro delle Imprese. Passiamo cosi’ dalla padella alla brace, attraverso scelte stataliste e anti-sussidiarie che non rispettano un’eccellenza nata dalla libera aggregazione del mondo imprenditoriale italiano”. res rus

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014