20 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Milano: arrivati 114 profughi. Comune, esaurita capacita' di accoglienza

Milano, 19 feb 2014 – Sono 114 i profughi siriani approdati nelle ultime ore a Milano. Di questi, 74 persone (tra cui 25 bambini) sono arrivate oggi in Stazione Centrale provenienti da Catania, 22 persone fanno parte di quattro famiglie che hanno scelto di presentarsi spontaneamente nel centro di accoglienza di via Fratelli Zoia e […]

Milano, 19 feb 2014 – Sono 114 i profughi siriani approdati nelle ultime ore a Milano. Di questi, 74 persone (tra cui 25 bambini) sono arrivate oggi in Stazione Centrale provenienti da Catania, 22 persone fanno parte di quattro famiglie che hanno scelto di presentarsi spontaneamente nel centro di accoglienza di via Fratelli Zoia e altre 18 sono state inviate dalla Questura. Polemico l’assessore alle Politiche sociali del Comune, Pierfrancesco Majorino: ”Assistiamo a una totale assenza di una politica nazionale dell’accoglienza”, afferma l’esponente della giunta Pisapia puntando il dito contro la ”totale incapacita’, a livello di governo centrale, di gestire dei flussi ampiamente ipotizzabili, dato che queste persone sono gia’ presenti sul territorio nazionale”. I profughi verranno ospitati nei due centri di via Fratelli Zoia e via Aldini gia’ adibiti all’accoglienza in emergenza delle famiglie siriane, grazie anche alla mobilitazione degli enti del terzo settore e dell’associazionismo, tra cui Progetto Arca, Giovani musulmani e Consorzio Farsi Prossimo. ”Con questi arrivi – aggiunge Majorino – abbiamo esaurito la nostra capacita’ di accoglienza. Nei prossimi giorni rischiamo di essere costretti a non poter dare piu’ ospitalita’ nelle nostre strutture, dove gia’ si trovano 2.700 persone provenienti, in maggioranza, da altre citta’. Facciamo presente che Milano da ottobre a oggi si e’ fatta carico, tra senzatetto e profughi siriani, di piu’ di cinquemila persone, una cifra non piu’ sostenibile”. com-fcz mpd

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014