19 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Milano: esondato il Seveso, allagamenti. Voragine a Porta Romana

Milano, 26 lug 2014 – Ennesima esondazione del Seveso e nuovi allagamenti a Milano a causa delle forti piogge che hanno colpito la citta’ durante la notte. Verso le 7.30 le acque del fiume hanno superato gli argini invadendo diverse strade della zona Nord del capoluogo lombardo, in particolare Niguarda. Alcune vie, dove l’acqua e’ […]

Milano, 26 lug 2014 – Ennesima esondazione del Seveso e nuovi allagamenti a Milano a causa delle forti piogge che hanno colpito la citta’ durante la notte. Verso le 7.30 le acque del fiume hanno superato gli argini invadendo diverse strade della zona Nord del capoluogo lombardo, in particolare Niguarda. Alcune vie, dove l’acqua e’ arrivata intorno ai 20 centimetri, sono state chiuse e lo scarso traffico del sabato mattina deviato dai vigili, intervenuti sul posto insieme con i vigili del fuoco e la protezione civile, prima che il fiume esondasse. Verso le 8.40 l’esondazione e’ stata dichiarata conclusa. I disagi verificatisi questa mattina non sono (finora) paragonabili con quelli registrati l’8 luglio scorso, quando in citta’ finirono sott’acqua quasi due interi quartieri (Niguarda e Isola). Allora i danni causati dal Seveso furono ingenti e proprio ieri il presidente della Regione Lombardia Maroni ha chiesto lo stato d’emergenza quantificando in oltre 47milioni i danni per il capoluogo e tutti i Comuni del Milanese. Una vera e propria voragine profonda circa 12 metri si e’ intanto aperta questa mattina in mezzo alla carreggiata al’altezza del civico 123 di corso di Porta Romana nel pieno centro di Milano. A creare il gigantesco buco e’ stata la rottura di una congiunzione tra la tubatura principale che trasporta l’acqua potabile e i tubi dei condomini. Il cedimento dell’asfalto, inghiottito dalla massa d’acqua che ha eroso il terreno sottostante, e’ avvenuto piu’ o meno all’incrocio con via Eugenio Vaina. I vigili del fuoco, intervenuti alle 7, stanno prosciugando l’acqua che riempie il gigantesco buco e che si e’ estesa a box e cantine dei palazzi circostanti. Sul posto sono intervenuti anche la polizia locale che ha dovuto chiudere l’intero corso su entrambe le carreggiate, e i tecnici del Comune e delle aziende del gas e della luce. Si lavora sull’ipotesi di responsabilita’ di un vicino condominio per dare una spiegazione alla voragine. ”Stiamo verificando se c’e’ responsabilita’ da parte del palazzo adiacente – ha spiegato in una dichiarazione ad Affaritaliani Carmela Rozza, assessore ai lavori pubblici di Milano -. C’e’ il dubbio che questa sia causata dai lavori del palazzo privato adiacente. Pare infatti che la proprieta’ abbia scavato per costruire parcheggi sotterranei per oltre tre piani sotto la superficie. L’ultima parte non era pero’ stata completata. Pare ci fosse un intercapedine fatto in legno. Stiamo accertando il fatto, che quindi non e’ certo”. Intanto i tecnici di MM e di A2A lavorano per verificare se sono stati coinvolti tubi del gas. ”Se ci sara’ responsabilita’ del privato chiederemo i danni – prosegue l’assessore – Se invece fosse un problema solo della fognatura allora politicamente l’unica cosa che posso dire e’ che stiamo rinnovando la rete in quasi tutta Milano. Vedremo di chi sara’ la responsabilita’. Ma e’ certo che l’abbandono del sottosuolo negli ultimi 20 anni porta a situazioni critiche. Prima pero’ di dare colpe a qualcuno vediamo di accertare i fatti”. cro tmn 26-LUG-14 11:45 NNNN 20140726_00036 4 cro gn00

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014