22 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Milano: Fi, No Expo Days assurdi, Pisapia connivente con centri sociali

(ASCA) – Milano, 2 mag 2014 – Forza Italia punta il dito contro l’iniziativa degli antagonisti milanesi di occupare la palazzina in disuso all’angolo tra via Stresa e piazza Carbonari e di promuovere nello stabile 3 giorni di ”No Expo Days”. ”E’ vergognoso che la citta’ sia stata presa in ostaggio dai soliti facinorosi di […]

(ASCA) – Milano, 2 mag 2014 – Forza Italia punta il dito contro l’iniziativa degli antagonisti milanesi di occupare la palazzina in disuso all’angolo tra via Stresa e piazza Carbonari e di promuovere nello stabile 3 giorni di ”No Expo Days”. ”E’ vergognoso che la citta’ sia stata presa in ostaggio dai soliti facinorosi di estrema sinistra”, commenta Silvia Sardone, membro della segreteria regionale di Forza Italia Lombardia e consigliere di zona 2, che aggiunge: ”E’ assurdo che sia stato consentito ai centri sociali di organizzare, con tutta tranquillita’, un’occupazione abusiva da tempo annunciata, anche online sui siti antagonisti”. Secondo l’esponente milanese di Forza Italia, ”non e’ possibile che per 3 giorni un’intera zona diventi ostaggio di esagitati, buoni solo a disturbare la cittadinanza con la scusa di una protesta dai toni esagerati e contenuti ridicoli.Ridicoli perche’ prendersela con Expo, unico grande evento italiano (ottenuto grazie al lavoro della passata giunta di centrodestra) che sta portando e portera’ lavoro e occupazione e’ francamente assurdo”. Dito puntato contro il sindaco Giuliano Pisapia e la sua maggioranza che per Silvia Sardone ”non stanno facendo nulla per risolvere la situazione. Pisapia si svegli dal complice sonno e intervenga, collaborando con le forze dell’ordine, per riportare tutto alla normalita’. Basta – conclude – con queste deprimenti dimostrazioni di forza che squalificano non solo i protagonisti dell’occupazione ma l’intera citta’ e l’amministrazione”. com-fcz gbt

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014