Papa: a Onu, non esistono uomini seconda categoria. Benessere globale

(ASCA) – Citta’ del Vaticano, 9 mag 2014 – Ci sono ancora troppi popoli esclusi dal progresso mondiale tanto da far pensare a ”umini di seconda categoria”. A denunciarlo e’ stato stamane papa Francesco che ha incontrato in Vaticano, nella Sala del Concistoro del Palazzo Apostolico, i Membri del Consiglio dei Capi Esecutivi per il […]

(ASCA) – Citta’ del Vaticano, 9 mag 2014 – Ci sono ancora troppi popoli esclusi dal progresso mondiale tanto da far pensare a ”umini di seconda categoria”. A denunciarlo e’ stato stamane papa Francesco che ha incontrato in Vaticano, nella Sala del Concistoro del Palazzo Apostolico, i Membri del Consiglio dei Capi Esecutivi per il Coordinamento delle Nazioni Unite riuniti a Roma per l’incontro semestrale di coordinamento strategico. Rivolgendosi al segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon e agli alti dirigenti presenti all’incontro, papa Francesco ha ricordato che ”del caso dell’organizzazione politica ed economica mondiale, quello che manca e’ molto, visto che una parte importante dell’umanita’ continua ad essere esclusa dai benefici del progresso e, di fatto, relegata a esseri umani di seconda categoria”. ”I futuri Obiettivi dello sviluppo sostenibile dovrebbero, quindi, essere formulati con generosita’ e coraggio, affinche’ arrivino effettivamente a incidere sulle cause strutturali della poverta’ e della fame, a conseguire ulteriori risultati sostanziali a favore della preservazione dell’ambiente, a garantire un lavoro decente per tutti e a dare una protezione adeguata alla famiglia, elemento essenziale di qualsiasi sviluppo economico e sociale sostenibile”. gc

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna