12 Giugno 2021
Il meteo a Roma

Papa: quando si litiga nel matrimonio per far pace non serve l'Onu

(ASCA) – Citta’ del Vaticano, 2 apr 2014 – Il matrimonio ”e’ un mistero stupendo” anche se e’ vissuto ”nella fragilita’ della natura umana, ma l’importante e’ mantenere vivo un vero legame con Dio”, anche nei momenti di difficolta’. Lo ha ricordato papa Francesco nel corso dell’udienza generale in piazza San Pietro anche oggi gremita […]

(ASCA) – Citta’ del Vaticano, 2 apr 2014 – Il matrimonio ”e’ un mistero stupendo” anche se e’ vissuto ”nella fragilita’ della natura umana, ma l’importante e’ mantenere vivo un vero legame con Dio”, anche nei momenti di difficolta’. Lo ha ricordato papa Francesco nel corso dell’udienza generale in piazza San Pietro anche oggi gremita da oltre 45 mila fedeli. Nella sua catechesi odierna, il papa ha concluso il ciclo di riflessioni, affrontando il tema del sacramento del matrimonio. ”E’ vero – ha detto il papa parlando a braccio – che nel matrimonio ci sono tante difficolta’: il lavoro, i soldi che non bastano, i bambini che hanno problemi. E tante volte marito e moglie sono un po’ nervosi e litigano. Sempre si litiga nel matrimonio – ha poi aggiunto sorridendo – alcune volte volano anche i piatti. Voi ridete ma e’ la verita’ – ha proseguito rivolgendosi ai tanti fedeli che lo ascoltavano – ma non dobbiamo diventare tristi per questo perche’ e’ la condizione umana. Ma il segreto – ha proseguito papa Bergoglio – e’ che l’amore e’ piu’ forte del momento in cui si litiga. Consiglio di non finire la giornata senza fare la pace, sempre. E per fare la pace non e’ necessario chiamare le Nazioni Unite ma e’ sufficiente una piccolo gesto, semmai una carezza. Bisogna portare cosi’ avanti la vita, con il coraggio di volerla vivere insieme. E’ una cosa bellissima la vita matrimoniale e bisogna custodirla sempre e custodire i figli”. Papa Francesco ha poi ricordato quelle che ha definito ”le tre parole magiche” per un matrimonio di amore. ”Le parole che aiutano la vita matrimoniale sono: permesso, grazie e scusa. Con queste, con il pregare l’un per l’altro e con il fare pace – ha concluso – il matrimonio andra’ avanti”. gc

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014