Papa: Spirito Santo ci apre mente e ci fa capire in profondita'

(ASCA) – Citta’ del Vaticano, 30 apr – Chiedere a Dio ”il dono dello Spirito Santo” che ci consente di sviluppare ”l’intelletto”, dal punto di vista dell’uomo di fede che non consiste ”nell’intelligenza umana” ma nella grazia di capire in profondita’ le situazioni della vita e, soprattutto, la Parola di Dio. E’ quanto ha invitato […]

(ASCA) – Citta’ del Vaticano, 30 apr – Chiedere a Dio ”il dono dello Spirito Santo” che ci consente di sviluppare ”l’intelletto”, dal punto di vista dell’uomo di fede che non consiste ”nell’intelligenza umana” ma nella grazia di capire in profondita’ le situazioni della vita e, soprattutto, la Parola di Dio. E’ quanto ha invitato a fare oggi papa Francesco nella sua catechesi durante l’udienza generale in piazza San Pietro, anche oggi gremita da oltre 40 mila pellegrini. Il dono dell’intelletto, ha proseguito il papa, e’ il ”dono di leggere dentro, ci fa capire la legge Dio, capire le situazioni in profondita’, come le capisce Dio. Dio – ha quindi detto Francesco – ci ha voluto inviare lo Spirito Santo per questo”. E’ stato lo stesso Gesu’, ha poi detto il pontefice, ”che ci ha detto che che Spirito ci fara’ capire gli insegnamenti” di Dio. Senza questo dono si ”puo’ leggere il Vangelo e capire qualcosa ma se lo leggiamo aiutati dallo Spirito Santo capiamo la sua profondota”’. ”Dacci, Signore il dono dell’intelletto. – e’ stata la preghiera di Francesco – Che lo Spirito Santo ci apra la mente, per capire meglio le cose di Dio, le cose umane, le situazioni, tutte le cose”. gc

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna