Roma: Acer, per uscire da tempesta perfetta agire su spesa pubblica

(ASCA) – Roma, 18 mar 2014 – ”Per uscire dalla tempesta perfetta occorre che politici, pubblica amministrazione e imprese assumano posizioni nette e lavorino per evitare di non poter piu’ tornare indietro”. A dirlo Edoardo Bianchi, Presidente dell’Acer – Associazione Costruttori edili di Roma e provincia, intervenendo alla seduta straordinaria dell’Assemblea capitolina sul decreto Salva […]

(ASCA) – Roma, 18 mar 2014 – ”Per uscire dalla tempesta perfetta occorre che politici, pubblica amministrazione e imprese assumano posizioni nette e lavorino per evitare di non poter piu’ tornare indietro”. A dirlo Edoardo Bianchi, Presidente dell’Acer – Associazione Costruttori edili di Roma e provincia, intervenendo alla seduta straordinaria dell’Assemblea capitolina sul decreto Salva Roma. ”Come imprese diciamo che non si puo’ piu’ avere un Comune che impiega il 95 PERCENTO del suo bilancio in spesa corrente. Occorre razionalizzare e ottimizzare la galassia di societa’ che ruota attorno al Comune di Roma – ha detto – che pur operando in regime di monopolio sono spesso in perdita. Occorre dare un ruolo piu’ dinamico al segretario generale e alla ragioneria di Roma Capitale, perche’ i provvedimenti e le bozze di delibere non vadano piu’ avanti e indietro da un ufficio all’altro per mesi prima della loro definitiva approvazione. Questo non e’ piu’ accettabile. Nel mondo dell’edilizia a Roma – ha continuato Bianchi – in 4 anni sono scomparsi dal mercato 24 mila operai usciti dal settore regolare e finiti chissa’ dove: nessuno se ne e’ interessato, ma anzi c’e’ sempre piu’ differenza tra chi lavora nel settore privato e chi nel pubblico. Bisogna razionalizzare la spesa pubblica, per trovare risorse per la manutenzione di strade e scuole. Occorre poi analizzare i settori strategici, e quelli che non lo sono, una volta sistemati i conti, dobbiamo chiederci se vale la pena continuare a tenerli. Siamo in tempi di assoluta criticita’ percio’ chiediamo a tutti gli amministratori di questa citta’ di gettare il cuore oltre l’ostacolo e dare risposte veloci e certe. Infine – ha concluso Bianchi – vorrei ricordare che abbiamo regalato il progetto per la messa in sicurezza del tratto della tangenziale colpita da una frana. Il cantiere e’ aperto e mi auguro che i lavori vengano conclusi nel piu’ breve tempo possibile”. bet mau

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna