Roma: Alemanno, e' tempo di sradicare racket dei nomadi sulle metro

(ASCA) – Roma, 22 lug 2014 – ”Le rivelazioni fatte in questi giorni da Il Messaggero sono sconcertanti. Si dimostra che il racket dei nomadi nelle metropolitane romane, invece di diminuire la sua pressione, s’inventa sempre nuove forme di estorsioni nei confronti dei cittadini. Non solo bande di ragazzini organizzano nei convogli borseggi sistematici nei […]

(ASCA) – Roma, 22 lug 2014 – ”Le rivelazioni fatte in questi giorni da Il Messaggero sono sconcertanti. Si dimostra che il racket dei nomadi nelle metropolitane romane, invece di diminuire la sua pressione, s’inventa sempre nuove forme di estorsioni nei confronti dei cittadini. Non solo bande di ragazzini organizzano nei convogli borseggi sistematici nei confronti dei passeggeri, ma adesso perfino fare un biglietto nelle emettitrici automatiche e’ diventato impossibile senza sottostare a un’estorsione”. Lo dichiara, in una nota, Gianni Alemanno, sottolineando che ”invece di continuare a indulgere con una tolleranza buonista che non fa che aggravare il problema, e’ necessario che il Comune di Roma e la Questura prendano degli immediati e radicali provvedimenti. Si deve far partire subito un’azione coordinata fra i vigilantes delle polizie private di Atac, vigili urbani e forze dell’ordine. I primi devono presidiare le emettitrici e i luoghi di passaggio degli utenti. Vigili urbani, polizia e carabinieri devono intervenire con un’approfondita inchiesta che porti all’arresto degli organizzatori di questi racket e all’affidamento dei ragazzini che vengono utilizzati per borseggi ed estorsioni. Semplici interventi passeggeri sono inutili – dice l’ex Sindaco della Capitale – solo un’azione in profondita’ puo’ dare dei risultati, mentre e’ necessario ripristinare il piu’ presto possibile la sorveglianza nei campi nomadi sospesa dal Comune di Roma. Le metropolitane di Roma sono il cuore pulsante della nostra citta’ e devono essere presidiate e difese in modo inflessibile da qualsiasi forma di violenza e illegalita”’. bet rus

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna