Roma: Bonanni, non permetteremo chiusura Teatro dell'Opera

(ASCA) – Roma, 26 feb 2014 – ”Non permetteremo a nessuno di affondare il Teatro dell’Opera di Roma che e’ una istituzione culturale di eccellenza per la Capitale e per tutto il paese”. Lo afferma il segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni, in relazione allo sciopero che domani potrebbe bloccare la ”prima” di Riccardo Muti […]

(ASCA) – Roma, 26 feb 2014 – ”Non permetteremo a nessuno di affondare il Teatro dell’Opera di Roma che e’ una istituzione culturale di eccellenza per la Capitale e per tutto il paese”. Lo afferma il segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni, in relazione allo sciopero che domani potrebbe bloccare la ”prima” di Riccardo Muti al Teatro dell’Opera di Roma. ”La Cisl – aggiunge Bonanni – condivide ed appoggia la scelta coraggiosa della Fistel Cisl di proseguire, insieme ad altri sindacati, la difficile strada della responsabilita’ per salvare il Teatro dell’Opera, tutelare le professionalita’ ed i posti di lavoro. Anche le istituzioni politiche e culturali devono fare di piu’ per risanare i conti ed evitare la chiusura di questa importante realta’ artistica. Ma bloccare domani sera il Teatro sarebbe un grave errore perche’ si scaricherebbe solo sul futuro dei lavoratori e delle loro famiglie. ”C’e’ un confronto serrato per favorire le condizioni per un risanamento dei conti dell’azienda e ridefinire il contratto integrativo all’insegna di una maggiore produttivita’ e flessibilita’, senza perdite di quote di salario – conclude Bonanni -. Bisogna governare i contenuti della legge Bray, proseguendo la strada del negoziato con l’obiettivo di trovare un accordo”. com-sen

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna